Sono 7 gli alberi di Natale finora donati secondo il progetto ambientale del Comune di Bagnacavallo

Più informazioni su

Stanno giungendo in questi giorni da parte dei cittadini gli alberi di Natale sempreverde, il progetto ambientale del Comune di Bagnacavallo promosso in occasione delle ultime festività in collaborazione con il gruppo comunale di Protezione civile e rivolto a tutti. Sono sette gli abeti (provenienti anche da Ravenna e Faenza) che sono stati donati in una settimana al Comune e che vengono messi a dimora nella zona a sud-est dell’abitato di Bagnacavallo, nell’area del Redino. Il progetto prevedeva infatti che chiunque avesse utilizzato un abete per il proprio albero di Natale potesse contattare, concluse le festività, la Protezione civile che avrebbe provveduto a ritirarlo per poi ricollocarlo a dimora negli spazi idonei e disponibili dei parchi cittadini.

Chi non fosse stato a conoscenza dell’iniziativa può ancora contattare per il ritiro degli abeti il numero 333 7103154. Caterina Corzani, assessore all’Ambiente, si è detta soddisfatta per la buona riuscita del progetto, che permette di salvare dall’abbandono gli alberi di Natale non più utilizzati e al tempo stesso arricchire il patrimonio verde del territorio a disposizione di tutti. «È un’idea – afferma – che riprenderemo certamente anche i prossimi anni. L’attenzione all’ambiente sotto ogni aspetto, alla tutela e al recupero del territorio è un’assoluta priorità per il nostro Comune.»

Caterina Corzani

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angelo Ravaglia

    Chi andrà quest’estate ad annaffiare gli abeti destinati a morire nel giro di qualche anno per la siccità ed abbassamento della falda freatica avendo queste piante un apparato radicale superficiale ?
    Maglio fare del compost come ha fatto il Comune di Cervia.
    Ancora meglio insegnare ai cittadini il rispetto delle regole della natura che non prevedono abeti o altre piante esotiche nel nostro clima.