Quantcast

A Castel Bolognese sono partite le vaccinazioni. Il sindaco: “Massima prudenza per non diventare arancione scuro anche noi” foto

Più informazioni su

Sono partite ieri le vaccinazioni dei cittadini over 80 della Valle del Senio, nella casa della salute di Castel Bolognese. “La bella notizia della partenza anche nel nostro Comune della campagna vaccinale – commenta il sindaco, Luca Della Godenza – non ci deve tuttavia distrarre rispetto ai problemi che siamo chiamati ad affrontare, ovvero il recepimento dei vaccini. Speriamo presto di darvi notizie migliori in merito, nel frattempo  la Dott.ssa Donatina Cilla, l’Asl, tutti gli operatori sanitari e i volontari che da giorni si stanno adoperando per il corretto funzionamento dell’iter vaccinale. Procederemo ad informarvi sulle nuove date di vaccinazioni nel nostro Comune non appeno avremo notizie sui vaccini”.

ANDAMENTO CASI COVID A CASTEL BOLOGNESE

Il sindaco è preoccupato per l’andamento dei nuovi contagi in provincia e anche nel Comune di Castel Bolognese: Se la settimana appena trascorsa ci consegna dei dati incoraggianti sul numero dei contagi con appena 9 positività in 7 giorni e 35 casi attivi totali, lo stesso non possiamo dire della giornata odierna che ci consegna un dato preoccupante pari 6 nuovi casi”, afferma infatti.

Nel circondario di Castel Bolognese infatti, è tutta zona “arancione scuro” come è stata ribattezzata l’area in cui il picco dei contagi ha raggiunto numeri preoccupanti. “Per ora – aggiunge Della Godenza – alla nostra comunità quelle maggiori restrizioni non si applicheranno ma sappiamo che se si dovesse verificare un ulteriore aumento di contagi quelle restrizioni scatterebbero anche qui. Questo ci porta a riflettere come il confine di nuove restrizioni sia molto vicino e sul dover rispettare scrupolosamente le regole”.

“So che può risultare retorico ripeterlo – conclude – ma fino a quando non saremo entrati nel pieno della campagna vaccinale la nostra unica arma è il distanziamento fisico e il rispetto scrupoloso delle restrizioni. Il rischio di avere una nuova impennata di casi e di morti, anche per colpa delle varianti, è molto alto”.

Più informazioni su