Quantcast

Ravenna. Lite tra due uomini in un’abitazione di via Dorese: entrambi finiscono al pronto soccorso con ferite da taglio

La Polizia di Ravenna ha indagato in stato di libertà L.M. e G.M., due cittadini tunisini rispettivamente di 49 e 35 anni, per il reato di lesioni aggravate. Verso le 21.30 di ieri, mercoledì 10 marzo, una Volante è infatti intervenuta presso un’abitazione di via Dorese per la segnalazione di una lite.

Sul posto, i poliziotti hanno identificato due uomini, che presentavano lievi ferite alle mani verosimilmente prodotte da un’arma da taglio – probabilmente un coltello – conseguenza di una lite per futili motivi che i due avevano avuto poco prima dell’arrivo degli agenti.

Uno di loro è stato identificato per G.M., 35enne cittadino tunisino, pregiudicato per reati inerenti gli stupefacenti e le norme sull’immigrazione, la cui posizione sul Territorio Nazionale è in corso di valutazione. L’altro è risultato essere L.M., cittadino tunisino di 49 anni, pregiudicato per reati inerenti le droghe e le leggi sull’immigrazione, richiedente la Protezione Internazionale.

Entrambi sono stati medicati presso il locale pronto soccorso dal quale sono stati dimessi con prognosi di tre e cinque giorni. I due sono quindi stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni aggravate. Sul posto, oltre alla Polizia, è intervenuto il personale del 118.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da garbino

    Singolare (ma non troppo) il pregiudicato per reati inerenti le droghe e le leggi sull’immigrazione, richiedente la Protezione Internazionale. Sono contrario alle chiusure tout court dei porti dato anche che, lo dimostrano i fatti, alla fine nessuno è stato respinto conferma che si trattasse di misure di propaganda elettorale (tanto è vero che ora, che sono tutti “amici”, non se ne parla più). Però, se violi le regole te ne devi andare, altro che richiesta di Protezione Internazionale.

  2. Scritto da armando

    Leggo…L.M. cittadino tunisino…pregiudicato per droga e reati sull immigrazione.-RICHIEDENTE LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE.- spero VIVAMENTE che gliela diano, ma per spedirlo a calci nel sedere a casa sua.- Ha, dimenticavo…l Italia il paese del bengodi.-