Drammatiche immagini dal Myanmar: oggi 27 marzo è stata una giornata di sangue foto

Più informazioni su

Continuano ad arrivarci voci e notizie drammatiche dal Myanmar. Oggi 27 marzo – festa delle forze armate – è stata una giornata particolarmente cruenta. I militari oramai da molti giorni sparano sistematicamente sulla folla. Si parla già di oltre 500 morti dall’inizio delle proteste dopo il golpe militare del 1° febbraio. VI proponiamo alcune immagini, suggerite da nostri conoscenti birmani e pubblicate sulla pagina Facebook Voice of Myanmar.

Myanmar
Myanmar
Myanmar
Myanmar
Myanmar
Myanmar

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maurizio Ricci

    Di questi tempi – da oltre un anno – fa notizia solo il covid; il pochissimo tempo che l’informazione non dedica a notizie, statistiche, polemiche, confronti, invenzioni, opinioni, ipotesi e speranze su questo argomento si divide oggi tra il Myanmar e la nave insabbiata in Egitto. C’è però altro, nel mondo: ad esempio è in atto una crisi anche nel Nord del Mozambico, con recrudescenze che portano proprio in questi giorni a vedere gente decapitata nelle strade. Il Mozambico non è un Paese di primaria importanza turistica; è anzi un Paese di cui molti non conoscono neppure l’esistenza (direi al pari del Myanmar…) ma che è stato ed è tuttora importante per la nostra città.
    Da oltre 35 anni vi ha sede la più grande Branch estera della C.M.C., la quale mi risulta essere una delle maggiori imprese di Ravenna, tuttora operante proprio nell’area del conflitto; magari un trafiletto di aggiornamento, quantomeno a rassicurare – se possibile – sulla sorte dei dipendenti della “nostra” società non guasterebbe.