Quantcast

Cervia. Da lunedì 12 aprile su Facebook gli incontri per il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile

Prende il via il 12 aprile il processo partecipativo funzionale alla predisposizione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) di Cervia, percorso che sarà sviluppato con il contributo di cittadini e stakeholders.

Il PUMS è uno strumento che ha l’obiettivo di fornire una visione condivisa del sistema della mobilità per il decennio 2020-2030, volto a promuovere una mobilità efficiente e a conseguire obiettivi legati alla tutela del patrimonio storico, culturale, ambientale e della qualità della vita dei cittadini.

Il PUMS, in coerenza con le linee guida nazionali, designa una strategia volta a toccare una pluralità di aspetti, tra i quali il potenziamento delle aree di sosta, la promozione della ciclabilità e della pedonalità su tutto il territorio comunale, interventi migliorativi sulla rete viabile per aumentare la sicurezza stradale, il potenziamento del trasporto pubblico e dei collegamenti intermodali per qualificare l’offerta turistica, attività di sensibilizzazione alla cultura sostenibile.

Le strategie delineate si concretizzano poi in azioni puntuali, che hanno come obiettivi quelli caratteristici della città resiliente, già vision della strumentazione di programmazione territoriale vigente: Cervia città identitaria, città accessibile, città sicura e ospitale, città verde.

Il percorso partecipativo prevede un fitto calendario di appuntamenti e laboratori tematici, da svolgersi da aprile e ottobre, che saranno rivolti a gruppi omogenei di cittadini e stakeholder, come momenti di confronto sulle potenzialità e criticità della mobilità cervese.

Il primo incontro di presentazione del PUMS, dal tema “DAL PUG AL PUMS: LO STATO DELL’ARTE, OBIETTIVI E STRATEGIE DEL PIANO URBANO DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILE”, si svolgerà in diretta facebook, sulla pagina del Comune di Cervia, il 12 aprile 2021 alle ore 20.15.

“Negli ultimi anni l’approccio urbanistico è completamente cambiato – afferma l’assessore all’Urbanistica Enrico Mazzolani – : la sostenibilità ambientale e i cambiamenti climatici sono diventati cardini di tutta la progettazione pubblica e privata. Oggi, con il PUMS, chiudiamo un percorso iniziato con il PUG e il PAESC. Grazie a questi strumenti siamo pronti a rispettare l’Agenda 2030, che si propone di migliorare le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile: economica, sociale e ambientale, in altre parole l’attenzione alla salute e alla cura del pianeta”.