Quantcast

Cervia. Vicensidaco Armuzzi: “Nel 2020 il Comune è intervenuto con 1.900.000 euro complessivi per famiglie, lavoratori e imprese”

Più informazioni su

“L’Amministrazione ha costantemente monitorato le ricadute sugli equilibri finanziari, stante le incertezze legate al reale introito delle entrate correnti più rilevanti (IMU, TARI, imposta di soggiorno, proventi da contravvenzioni al Codice della Strada, proventi da parcheggi a pagamento, proventi da servizi) e alle assegnazioni dei fondi statali a ristoro, che si sono perfezionati solo a fine esercizio – è quanto ha dichiarato il Vicesindaco Gabriele Armuzzi sul Bilancio consuntivo 2020 del Comune di Cervia -. Questa gestione di monitoraggio costante ha consentito di conseguire un avanzo di amministrazione 2020 che risulta quanto mai utile, tenuto conto del protrarsi dell’emergenza sanitaria ed economica e delle conseguenti ricadute negative sugli equilibri finanziari dell’esercizio 2021. Infatti i fondi statali a ristoro stanziati nella Legge di bilancio 2021 e nel Decreto Sostegni sono nettamente inferiori a quelli dell’anno 2020″.

“Nel corso del 2020 il Comune è intervenuto con circa 1.900.000 euro a sostegno di famiglie, lavoratori e imprese – ha proseguito Armuzzi – Questo impegno è stato riconosciuto anche dai gruppi di minoranza che nella seduta del Consiglio comunale del 28 aprile hanno ritenuto di dare un voto di astensione al bilancio consuntivo”.

“Ringrazio tutti gli uffici dell’amministrazione per l’impegno profuso nella gestione delle varie attività in un anno particolarmente difficile come il 2020; tra questi in particolare il Servizio Finanziario che ha costantemente presidiato gli equilibri finanziari con uno sforzo costante e straordinario riscontrato positivamente anche dai gruppi di minoranza nel corso del dibattito consiliare sul rendiconto” ha concluso il vicesindaco.

Più informazioni su