Arriva il Giro d’Italia: modifiche agli orari delle scuole, scatta la DaD per alcuni istituti superiori

Più informazioni su

Come noto, venerdì 21 maggio Ravenna ospiterà la partenza della tredicesima tappa del Giro d’Italia, un evento che comporterà l’adozione di misure finalizzate a creare le migliori condizioni di sicurezza e fruibilità. Per questo, il Comune di Ravenna informa che i servizi educativi per la prima infanzia e tutti i servizi scolastici saranno garantiti. La didattica a distanza, ove necessario, consentirà di non perdere ulteriori ore di lezione in un anno scolastico già messo a dura prova dall’emergenza sanitaria.

Di seguito la situazione dall’Università ai servizi per l’infanzia nella giornata del 21 maggio

Università e Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale

Resteranno aperte l’Università così come l’Istituto superiore di studi musicali Giuseppe Verdi e l’Accademia di belle arti. Le sedi dell’Università di via Diaz, via Mariani e via San Vitale saranno raggiungibili solo a piedi.

Scuole superiori (secondarie di secondo grado)

Nell’incontro tra la Provincia di Ravenna, rappresentata dalla consigliera Maria Luisa Martinez, il provveditore Paolo Davoli e i dirigenti scolastici delle scuole secondarie di secondo grado, è stata condivisa all’unanimità l’opportunità di non chiudere le scuole bensì di sfruttare l’esperienza dell’ultimo anno scolastico, svolgendo la didattica a distanza per tutte le ragazze e i ragazzi, compresi gli alunni con disabilità e con bisogni speciali.

Per l’istituto professionale statale Olivetti – Callegari e per l’istituto tecnico commerciale statale Ginanni è prevista la didattica a distanza anche per i corsi serali nelle giornate del 20 e 21 maggio.

Percorsi di IeFP dei centri di formazione professionale

Sarà prevista la didattica a distanza anche per le ragazze e i ragazzi che frequentano i percorsi IeFP erogati dai Centri di Formazione professionale Engim, Scuola Pescarini e IAL.

Nidi e scuole per l’infanzia/primarie/secondarie di primo grado

Non è prevista la chiusura dei servizi per l’infanzia e delle scuole, pertanto le attività educative e didattiche si svolgeranno in presenza. Saranno possibili però alcuni disagi, in relazione alle modifiche alla viabilità e al sistema dei trasporti, che verranno rese note nei prossimi giorni a seguito dell’adozione di apposita ordinanza. Si anticipano di seguito le situazioni delle scuole che saranno maggiormente coinvolte.

Per il nido Pavirani, nido Domus Bimbi, servizio sperimentale Tante Lune, scuola dell’infanzia Mario Pasi, scuola dell’infanzia Buon Pastore – via Canalazzo e scuola dell’infanzia Gugù del Sale si raccomanda l’uscita dalle ore 16 mentre è sconsigliata, per questioni di traffico, l’uscita intermedia quando l’evento sportivo sarà in pieno svolgimento.

La scuola primaria statale Mordani sarà raggiungibile a piedi o in bicicletta sia per l’ingresso sia per le uscite delle 13 e delle 16,30 da via Pasolini, via Zirardini e piazza Kennedy.

La scuola secondaria di primo grado statale Novello dovrà essere raggiunta a piedi o in bicicletta in orario di uscita in quanto piazza Caduti per la Libertà non sarà transitabile.

La scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado paritaria San Vincenzo de Paoli sarà raggiungibile a piedi sia per l’ingresso sia per le uscite delle 13 e delle 16.30 attraverso percorsi alternativi.

Per le scuole primarie Morelli, Camerani, Torre, Riccardo Ricci e la secondaria Don Minzoni saranno possibili disagi nell’orario di uscita per la chiusura di via Maggiore e via Faentina.

Nella scuola primaria e secondaria di primo grado di Mezzano, causa chiusura della Reale fino alle 13.30, usciranno alle 14 gli alunni delle classi che il venerdì escono alle 13. Il trasporto scolastico verrà assicurato con adeguamento all’orario di uscita.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    Non ho parole! Va bene la Dad per un’emergenza come la pandemia,ma qui adesso che abbiamo appena riaperto le scuole in presenza,si richiude per fare passare della gente in bicicletta! Ma stiamo scherzando??

  2. Scritto da Gianni

    …SCUOLA IN DAD… CITTA’ BLOCCATA….LAVORATORI IN DIFFICOLTA’ NEGLI SPOSTAMENTI …GENIALE!!

  3. Scritto da adamo

    rifanno l’asfalto? c’è sciopero dei mezzi? piove? fa troppo caldo, freddo? a un tuo compagno sgocciola il naso? c’è la transumanza? non ti preoccupare, ora c’è la dad!

  4. Scritto da Luca

    Chi ha manifestato in piazza contro la DAD, a suo tempo, coerentemente lo faccia anche adesso, no? In questo caso mi troverei pure d’accordo con loro.

  5. Scritto da Ed

    Senza parole…
    Speriamo la DAD non diventi AS USUAL ma rimanga da utilizzare in EMERGENZA

  6. Scritto da Lucio

    Le priorità di Ravenna oggigiorno sono: il giro d’Italia (anche se le piste ciclabili ci sono e non ci sono); la mille miglia (quando passa; anche se certe strade sono un colabrodo); l’OMC al PalaDeAndrè (anche se quella struttura è impiegata per le vaccinazioni, e si trasferirà tutto nei pressi dell’ESP – pare); ultimo ma non meno importante: i Supermercati in ogni dove (tra un po’ si avranno più offerte 3×2 che abitanti di Ravenna centro).

    Insomma, quando si dice avere il polso della situazione, essere calati nella realtà dei fatti, e porsi vicini ai cittadini…Ah, ovviamente, i risultati delle urne sono abbastanza scontati. Un plebiscito in arrivo quest’autunno, con l’aiuto delle opposizioni (?) che faranno il gioco delle parti.

    Sì, siamo proprio in una (Divina) Commedia. Dante docet.