Quantcast

Trentenne cervese arrestato due volte dai Carabinieri nell’arco di una settimana

Più informazioni su

I Carabinieri della Compagnia di Cervia – Milano Marittima la scorsa settimana hanno arrestato per ben due volte un giovane cervese di circa 30 anni per evasione dagli arresti domiciliari. In particolare, la persona era stata arrestata ad inizio giugno per un furto commesso ai danni dell’istituto alberghiero di Cervia.

Per questo motivo era stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

La scorsa settimana, però, l’arrestato era stato colto per ben due volte al di fuori della propria abitazione. Nella prima occasione era stato sorpreso in piena notte girovagare in bici. Per tale motivo era stato arrestato e condannato alla pena di 8 mesi di reclusione. Nel secondo caso l’indagato, sempre a bordo della sua bici, aveva tentato di eludere il controllo dei carabinieri che lo avrebbero raggiunto di lì a poco.

Oggi la notifica del provvedimento di aggravamento della misura cautelare. Nello specifico il Tribunale di Ravenna ha disposto la traduzione in carcere del giovane data l’inosservanza delle prescrizioni imposte con la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Wainer

    Lo arresteranno anche una terza volta!

  2. Scritto da Lorenzo

    E al giudice ci sono volute due evasioni per spedirlo dove doveva essere andato già alla prima volta. Povero paese, e noi cosa vogliamo? Il pnrr, adesso quando l Europa fara finta di sapere come siamo messi, perché già lo sa, ci chiede i soldi e gli interessi