Quantcast

Avvistato un puma nelle campagne lughesi, partite le ricerche delle forze dell’ordine

Più informazioni su

Potrebbe esserci un puma o un grosso felino a spasso per le campagne lughesi. Giovedì mattina un volontario della Piccola Oasi di Villa San Martino ha infatti dichiarato di averlo avvistato e da allora le forze dell’ordine, Carabinieri forestali in testa, coadiuvati dai militari della Stazione di Lugo e dagli agenti della Polizia Locale hanno intrapreso le ricerche, finora senza risultati.

Ma come potrebbe essere finito un puma a Lugo? Secondo i volontari dell’associazione naturalistica di Villa San Martino, potrebbe essere stato illegalmente detenuto da qualche privato, che di conseguenza non ne avrebbe denunciato la fuga: “Ieri mattina (giovedì, n.d.r.) il puma si è dimostrato tranquillo – scrivono sul loro profilo Facebook i volontari dell’Oasi – però potrebbe rappresentare un potenziale pericolo per animali quali galline, conigli, cani e gatti. Difficilmente attacca l’uomo e tende a frequentare zone lontane dalla città”.

Anche se le forze dell’ordine pensano potrebbe trattarsi di un puma come di una lince o di un gatto selvatico, dall’Oasi sono piuttosto convinti della segnalazione lanciata: “Abbiamo fatto corsi per censire gatti selvatici e linci ed hanno caratteristiche molto differenti da quelle dell’animale visto dal volontario – aggiungono -. Noi riteniamo sia meglio essere consci della possibilità che in giro possa esserci un animale potenzialmente pericoloso senza con questo sfociare nel panico”.

Visto che felini di quella taglia sono in grado di spostarsi rapidamente e percorrere molti chilometri, anche se l’avvistamento fosse concreto, l’animale potrebbe essere ancora in zona o trovarsi fino a un centinaio di chilometri di distanza. Per precauzione, nella remota ipotesi che lo si incontri, i volontari rivolgono un appello a chiunque lo vedesse: segnalarne immediatamente l’avvistamento ai carabinieri forestali più vicini, ma anche prestare maggiore attenzione agli animali da cortile e cercare di non lasciare soli i bambini in cortili di campagna.

“Il puma è in grado di saltare in alto, da fermo, più di 3 metri di altezza – concludono l’appello i volontari -: nel rarissimo caso lo incontriate, non correte (è un predatore e può raggiungere i 60 km/h), piuttosto fermatevi e fate rumore in modo che si allontani. Ovviamente non attaccatelo e non cercate di catturarlo da soli!”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Wainer

    Ogni tanto torna alla ribalta questa leggenda metropolitana.

  2. Scritto da Luca

    Esattamente, già sentita questa notizia, mi sembra l’estate scorsa.

  3. Scritto da Ace Ventura

    Siccome si tratterà sicuramente di una mera trovata pubblicitaria, in caso di mancato avvistamento del felino proporrei un bella denuncia penale per “procurato allarme”. In casi del genere sarebbe opportuno allertare le autorità preposte (Carabinieri Forestali) e non pubblicare post o mandare comunicazioni a tutte le testate giornalistiche per ottenere un pò di visibilità.
    Pare che questo puma sia un pericolo per cani e gatti!!! Ma dove lo avete letto nel giornalino dei piccoli? Gli “animalari” mi fanno sempre più paura!