Quantcast

Ravenna. Arca Spa consegna a Linea Rosa assegno di beneficenza di 1500 euro

Più informazioni su

Si è svolta mercoledì 14 luglio, la consegna della somma raccolta dalla vendita benefica della prima edizione del libro di ricette ‘Marche & Romagna in tavola – 100 specialità della tradizione dai fornelli di Albarosa’, organizzata da Arca Spa e lanciata in occasione della Festa della Mamma. Fino al 9 maggio scorso infatti, i clienti dei Famila e Famila Market hanno avuto la possibilità di acquistare il ricettario ad un prezzo simbolico e il ricavato è stato destinato a progetti di solidarietà di 5 realtà del terzo settore di Romagna e Marche.

A Ravenna, la donazione è andata a Linea Rosa, il centro antiviolenza che offre aiuto alle donne che subiscono violenze fisiche, psicologiche, sessuali ed economiche. Il direttore marketing di Arca spa Marcello Amaduzzi ha consegnato l’assegno di millecinquecento euro, non nascondendo la sua soddisfazione, sapendo che quella somma può essere un aiuto concreto per i progetti del centro come ha affermato: “Arca spa ha da sempre a cuore il bene della comunità in particolare, nel territorio in cui opera. La solidarietà si deve esprimere per gesti veri e la consegna di oggi assume questo significato. ‘Con noi sei in famiglia’ è la farse che, a lettere cubitali, campeggia in tutti i nostri supermercati, con queste donazioni vogliamo dare concretezza alle nostre parole”.

La breve cerimonia si è svolta nel supermercato di Ravenna di via Aquileia e a ritirare la somma donata erano presenti la vice presidente Monica Vodarich del centro antiviolenza Linea Rosa di Ravenna e la presidente Alessandra Bagnara. “Ringrazio Arca a nome mio e di tutte le donne maltrattate – ha sottolineato la presidente – che ogni giorno si rivolgono al nostro centro antiviolenza per ricevere aiuto concreto. Ma non solo. Terrei a sottolineare anche l’importanza di cominciare a parlare della violenza che si nasconde purtroppo e inaspettatamente nelle famiglie. Con la donazione di Arca possiamo continuare a finanziare i nostri progetti a sostegno delle donne e contro la violenza domestica, sapendo che anche da piccoli gesti quotidiani si può e si deve invertire il pensiero che nutre la sotto cultura di genere”.

 

Più informazioni su