Quantcast

La figlia di Ilenia Fabbri si costituirà parte civile nel processo per il femminicidio della madre

Più informazioni su

Arianna Nanni, la figlia di Ilenia Fabbri, la donna brutalmente assassinata nella sua casa di Faenza il 6 febbraio scorso, ha deciso di costituirsi parte civile nel processo contro Pierluigi Barbieri, esecutore materiale del delitto e reo confesso e Claudio Nanni, ex marito della vittima e padre della giovane, accusato di essere il mandante.

La notizia, riportata dai quotidiani locali in edicola oggi, segna una svolta nella linea di pensiero della ragazza, che per lungo tempo aveva creduto alle parole del padre e accusava solo Barbieri della tragica fine della madre.

Nanni, fin dall’inizio ha ammesso di aver incaricato Barbieri di aggredire l’ex moglie ma, secondo le sue affermazioni, solo allo scopo di spaventarla e non di ucciderla, per indurla a ritirarsi dalla causa civile che la donna aveva intentato all’ex marito per una questione relativa agli stipendi non ricevuti, quando la donna lavorava nell’officina di Nanni.

La chiusura dell’inchiesta, coordinata dalla PM Angela Scorza, dovrebbe essere imminente e se così fosse, entro la fine dell’anno si potrebbe aprire il processo vero e proprio, in corte d’assise a Ravenna.

La mattina di sabato 6 febbraio, all’alba, Arianna e il padre sono partiti per andare a ritirare un’auto nel milanese, ma dopo pochi minuti sono stati richiamati indietro da una telefonata dell’amica di Arianna, rimasta all’interno dell’appartamento assieme ad Ilenia Fabbri, che riferiva di un’intrusione da parte di un uomo. Immediatamente rientrati in via Corbara, i tre si erano ritrovati sulla scena del delitto: Ilenia Fabbri, giaceva a terra, uccisa con un profondo fendente al collo.

Le successive indagini, anche tramite i sistemi di sorveglianza della zona e stradali, hanno portato ad incastrare Pierluigi Barbieri, detto “lo zingaro”, cervese residente nel reggiano, quale esecutore materiale del delitto e ad incriminare il padre di Arianna, Claudio Nanni, in quanto mandante dell’omicidio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberta

    Questa ragazza mi fa tanta tenerezza le aspetta una vita difficile dopo la mamma uccisa im modo atroce da due codardi schifosi è lei l altra grande vittima.Forza Arianna combatti con tutte le tue forze e cerca giustizia per la tua mamma.