Quantcast

Ravenna. Polizia denuncia ladra quarantenne pizzicata da commessa oltre le casse del supermarket

Più informazioni su

La Polizia ha indagato in stato di libertà una 40enne, cittadina italiana, per il reato di tentato furto aggravato. Qualche giorno fa, in seguito a una richiesta pervenuta sulla linea di emergenza 112 della Questura di Ravenna, una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico è intervenuta presso un negozio per la vendita di cosmetici e prodotti per la casa di via Faentina.

Sul posto una dipendente dell’esercizio commerciale ha dichiarato agli agenti che, poco prima, aveva fermato una donna. Dopo essere passata per le casse e pagato alcuni articoli, la quarantenne ha attraversato le barriere antitaccheggio facendone scattare l’allarme.

Sempre secondo le dichiarazioni della commessa, la signora è stata invitata a mostrare la merce in suo possesso e dalla verifica sarebbe emerso che alcuni degli articoli esibiti e provenienti dal negozio non risultavano tra quelli pagati pochi istanti prima.

La presunta ladra, sconosciuta alle forze dell’ordine, è stata compiutamente identifica e denunciata all’Autorità Giudiziaria per il reato di tentato furto aggravato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vittorio

    Nella 1° riga dell’articolo avete messo subito in evidenza “cittadina italiana” se fosse stata di colore o dell’est europeo o addirittura un pregiudicato, avreste rispettato la privacy per non turbare il villaggio globale………….

  2. Scritto da Claudia Folli

    Quando le forze dell’ordine ci forniscono indicazioni le riportiamo, a prescindere dalla nazionalità della persona in questione. Se avrà occasione di leggere altri resoconti di cronaca pubblicati, se ne renderà conto da solo. La privacy viene tutelata dall’omissione dei nomi, non dalla nazionalità. La Redazione