Quantcast

Sant’Agata sul Santerno. Da domenica 1 agosto il festival ‘Terrena – Land art in Bassa Romagna sulle tracce di Dante’

Più informazioni su

Fa tappa a Sant’Agata sul Santerno il viaggio di ‘Terrena – Land art in bassa Romagna sulle tracce di Dante’. Il piccolo Comune che si affaccia sul Santerno si appresta ad accogliere la seconda opera di land art prevista quest’anno da Terrena: da domenica 1 a martedì 3 agosto l’artista Pasquale “Ninì” Santoro realizzerà l’opera Traghetto, presso il Grande Parco Vatrenus.

A Sant’Agata, città di origine bizantina, era presente un antico dazio sul fiume Santerno e il traghetto che fungeva da spola era una delle principali fonti di reddito del luogo. L’opera di Santoro si ispira all’imbarcazione di Caronte nel Canto III dell’Inferno e sarà realizzata con il supporto degli studenti dell’Accademia di Belle arti di Ravenna. L’opera sarà inaugurata con una visita guidata gratuita in presenza dell’artista martedì 3 agosto alle 19.

Pasquale “Ninì” Santoro nasce il 30 settembre 1933 a Ferrandina, in provincia di Matera. Sensibile all’influenza della letteratura e della musica (soprattutto di quella jazz), è pittore, incisore, stampatore, scultore, mosaicista, ceramista, disegnatore e creatore di gioielli. Fortuito quanto determinante è l’incontro con il critico Giulio Carlo Argan, grazie al quale inizia a dedicarsi con costanza all’arte interrompendo, così, gli studi universitari. Entrato nel circuito romano, inizia l’apprendistato presso la “Scuola del nudo” di Antonio Corpora; qui conosce Achille Perilli e comincia a frequentare lo studio di Giuseppe Capogrossi. Fino al 1978 insegna presso l’Istituto statale d’Arte di Pomezia e in seguito viene chiamato dal direttore Carlo Bertelli a tenere un corso di grafica e incisione presso la Calcografia e l’Istituto nazionale per la grafica di Roma dove rimarrà, a vario titolo, fino al 1983; nel frattempo, avvia a Cori con Renato Flenghi e Oscar Netto una scuola di grafica e calcografia.

Lunedì 2 agosto dalle 16 alle 20 sarà possibile visitare lo studio dell’artista Vanni Spazzoli, che si trova in via Bastia 76 (non è necessaria la prenotazione; informazioni allo 0545 919903).

Tutti gli appuntamenti di Terrena sono gratuiti. Per maggiori informazioni sul calendario degli appuntamenti, consultare il sito terrenalandart.it.

Terrena – Land art in Bassa Romagna sulle tracce di Dante è un progetto realizzato dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna – Settore Governance e Comunicazione, Sviluppo e Progetti strategici, con il patrocinio del Ministero della Cultura, con il contributo de La Cassa di Ravenna e in collaborazione con Olfattiva Srl di Massa Lombarda, Isia Faenza Design & Comunicazione e l’Accademia delle Belle arti di Ravenna. L’organizzazione di Terrena è affidata all’associazione UnconventionART di Roma, sotto la direzione artistica di Carlo Palmisano e la curatela dello storico dell’arte Giuseppe Capparelli.

Più informazioni su