Quantcast

Scoperta la mattonella di mosaico “I fiori delle donne” sulla facciata del Ginanni di Ravenna, in memoria di Elisa Bravi foto

Più informazioni su

Questa mattina, martedì 21 settembre, nel giorno del compleanno di Elisa Bravi, Linea Rosa e rappresentanti dell’Amministrazione ravennate, assieme alla dirigenza scolastica dell’istituto Ginanni di Ravenna, hanno scoperto una targa e una mattonella in mosaico del progetto “I Fiori di Ravenna – Ravenna città amica delle donne”, in memoria della giovane donna vittima di femminicidio, uccisa dal marito nel 2019.

Erano presenti il sindaco di Ravenna, Michele de Pascale, l’assessora Ouidad Bakkali, la vice presidente della Provincia, Eleonora Proni, la dirigente scolastica del Ginanni – scuola in gioventù frequentata da Elisa Bravi – prof.ssa Fausta Labidonisia e numerosi rappresentanti del corpo docente e studentesco, Alessandra Bagnara, presidente di Linea Rosa e varie volontarie del centro antiviolenza, assieme ai genitori di Elisa, Antonella e Gianluca Bravi, accompagnati dal gruppo “Una panchina per Elisa”, di cui fanno parte amiche della giovane donna uccisa.

“Oggi ricordiamo una studentessa – ha detto la DS del Ginanni -, una ragazza che tutte le mattine veniva come voi in questa scuola, con lo zaino e le scarpe da ginnastica. Vorrei ricordare una studentessa che sorride e che è piena di sogni”.

Accanto alla mattonella in mosaico, la targa affissa all’ingresso del Ginanni porta incisa una frase elaborata dagli studenti delle classi V, frutto di una riflessione sui femminicidi, che gli studenti hanno realizzato durante l’estate assieme ai loro insegnanti.

mattonella elisa bravi ravenna ginanni

Il mosaico, realizzato da Annafietta, è stato posto all’ingresso dell’Istituto tecnico commerciale G. Ginanni, dove Elisa si diplomò nel luglio del 2007. “Oggi sarebbe stato il suo compleanno. Avrebbe compiuto 33 anni Elisa, se un uomo, marito e padre delle sue due meravigliose figlie, non avesse deciso di porre fine alla sua vita”, ha commentato Alessandra Bagnara ricordando i tanti – troppi – femminicidi che ogni giorno riempiono le cronache dei giornali.

“E non esiste né un motivo né un movente che giustifichi tali crimini; c’è solo un dato di fatto, un sistema sociale fondato sul patriarcato (dal greco, letteralmente la legge del padre), in cui gli uomini detengono il potere e predominano in ruoli di leadership politica, autorità morale e privilegio sociale, nonché nel controllo della famiglia. È a causa di questo retaggio che ci troviamo di fronte a persone che ritengono di essere padroni e proprietari non solo di oggetti ma anche di altre persone e, dunque, di poter decidere della loro vita”, ha concluso Bagnara.

Il sindaco de Pascale ha tenuto a precisare che “la città non dimentica” e poi, rivolgendosi ai giovani studenti e studentesse, che “i femminicidi non sono atti di violenza che nascono in maniera estemporanea, ma traggono origine da un substrato inculturale, che affonda le sue radici in tanti piccoli gesti quotidiani”, invitando poi i giovani a non restare in silenzio di fronte a parole di ingiuria, svalutazione o minaccia, rivolte alle donne in quanto tali, perchè “non si è responsabili solo di ciò che si dice e si fa, ma anche di ciò che si tollera”.

“Dobbiamo tenere a mente – ha concluso de Pascale – che il silenzio è complice e oggi noi non abbiamo nessuna voglia di rimanere zitti”.

 

Più informazioni su