Quantcast

Il sindaco Michele de Pascale condanna la manifestazione no-vax e no green pass al porto di Ravenna

“Ho aspettato la conclusione della manifestazione dei finti portuali a Ravenna per esprimere la mia più assoluta solidarietà a tutti i lavoratori e le lavoratrici del porto, agli autotrasportatori, alle forze dell’ordine e a tutti i cittadini e le cittadine che a causa del comportamento irresponsabile di poche persone, di cui diverse provenienti da fuori Ravenna, hanno vissuto ore di disagio e problemi nell’esercizio del proprio lavoro” ha dichiarato il Sindaco di Ravenna, Michele de Pascale, nel tardo pomeriggio di ieri, dopo una giornata caratterizzata dalla manifestazione No Green Pass al porto di Ravenna.

“I manifestanti non hanno minimamente rispettato le prescrizioni date dall’autorità di pubblica sicurezza e hanno creato enormi problemi alla viabilità del porto e di tutta la città. Città e porto che, torno a ribadire, in molti casi nemmeno conoscevano” – ha sottolineato il primo cittadino – . Solo grazie alla professionalità degli uomini e delle donne delle forze dell’ordine e di polizia si sono evitati problemi più seri e si è riusciti infine a ripristinare la piena accessibilità dell’area portuale. L’auspicio di tutti i cittadini e le cittadine per bene, a prescindere dalle opinioni politiche o persino sul green pass, non può che essere che chiunque abbia commesso illeciti sia tempestivamente identificato e segnalato all’autorità giudiziaria per i diversi profili di reato verificatisi”.

“Il messaggio chiaro che va mandato a tutta Italia e al mercato della logistica è che i lavoratori e le lavoratrici del Porto di Ravenna sono state le vittime di questi comportamenti e non certo i loro artefici, e che il Porto è pienamente operativo e accessibile con la consueta e riconosciuta efficienza e professionalità” prosegue de Pascale.

“Non sono solito scendere in polemiche politiche ma non posso negare di essere rimasto sconvolto dalla solidarietà espressa ai manifestanti da parte della Lega Romagna, in particolare dal consigliere comunale Rolando, da quello regionale Liverani e dal segretario Zandoli – dichiara il sindaco -. Un partito con enormi responsabilità di Governo, con cui, pur essendone sempre stato fiero oppositore, mi sono sempre confrontato lealmente, non può scendere così in basso, schierandosi contro i lavoratori e gli imprenditori del Porto per non perdere 148, centoquarantotto, voti di Novax”.

“Faccio un ulteriore appello affinché le voci di buon senso, civiche e politiche, della Lega e del centrodestra ravennate e romagnolo si dissocino pubblicamente da questi tre esponenti e, almeno su partite così delicate, si faccia fronte comune per sostenere una ripresa economica che è alla nostra portata e non può essere messa a rischio dalla demagogia e dall’irresponsabilità di pochi – conclude Michele de Pascale – . Fra pochi giorni si insedierà il nuovo consiglio comunale di Ravenna, sarebbe bello che uno dei suoi primi atti fosse l’approvazione di un ordine del giorno, sottoscritto da maggioranza e opposizione, a sostengo della campagna vaccinale e di ferma condanna delle azioni illecite commesse oggi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ST

    De Pascale ha ragione.
    Non solo: io, cittadino ravennate, chiedo alle Autorità di pubblica Sicurezza, di far rispettare il mio DIRITTO a lavorare e a muovermi liberamente.
    I no-greenpass, i no-vax, i terrapiattisti, i no-sciekimike, i tartufai stanchi e qualsivoglia gruppo o minoranza, ha tutti i diritti di manifestare, esporre striscioni e diffondere le proprie idee e richieste, anche le più astruse, ma NON hanno il diritto di imporle a tutti, e di limitare le nostre libertà.
    Se c’è bisogno dell’uso della forza, se ne faccia uso.
    Mi rendo conto che ci sono persone (ed anche piccoli politicanti) che non hanno la cultura ed i neuroni necessari a comprenderlo, ma il rispetto delle regole e dei diritti delle persone è fondamentale in una società democratica.

  2. Scritto da fra

    Bellissimo manifesto. Peccato che la costituzione dice proprio che per salvaguardare la salute pubblica lo stato può di fatto obbligare tutti a vaccinarsi od ad intraprendere misure emergenziali come il green pass. Beata ignoranza e desiderio di attaccarsi alla costituzione che in questo caso vi dà torto … lasciate perdere ed andate a nascondervi ed almeno lasciate i figli a casa che non centrano con le vostre folli ideologie. siete un cattivo esempio sociale.

  3. Scritto da Viola

    @ ST : Concordo al 100×100!

  4. Scritto da Emanuele

    Non è sempre così, ma questa volta chapeau alle parole del Sindaco. Che questa sparuta e disgraziata minoranza non abbia voce né spazio sui media!