Quantcast

Russi. L’ambulanza non trova la strada sul navigatore, muore anziana.

In via Mattia Moreni a Russi  le ambulanze non arrivano mai, in fretta. Percorrono le vie limitrofe, ma non riescono a trovare la Via,  a meno che qualcuno non scenda in via Pascoli per dare indicazioni: la via non è illuminata e anche i navigatori satellitari sembra che riescano a trovarla. Poche sere fa, purtroppo, è successo quello che nessuno dei residenti si augurava accadesse: una signora ha avuto un malore, il personale del 118 è arrivato troppo tardi.

A segnalare il fatto è stato uno dei residenti, in un post sul gruppo Facebook di Sei di Russi se: “Sono anni che i residenti dei due palazzi e delle villette vivono fuori dal mondo senza linea telefonica, senza illuminazione e senza una via registrata! Mi trovo a scrivere perché ieri sera è successo quello che non doveva succedere, purtroppo una nostra vicina ha avuto un malore. L’ambulanza non è riuscita a trovarci e dopo 5 minuti che la sentivamo girare, la nostra vicina è deceduta senza ricevere soccorso. Al loro arrivo, i sanitari erano su tutte le furie e non hanno potuto far altro che constatare il decesso! Stamani abbiamo chiamato nuovamente la ditta proprietaria della maggior parte delle abitazioni e sostiene che sia il comune a dover far qualcosa noi abbiamo chiesto più volte al comune ma il problema non viene risolto! Quanto ancora dobbiamo aspettare?” Anche altri residenti hanno spiegato di aver segnalato il problema, più volte.

“La questione ” mancata illuminazione” era già nota da tempo agli uffici comunali – spiega al telefono, la Sindaca Valentina Palli -. Non sapevamo invece che ci fosse un problema relativo alla individuazione della strada da parte dei mezzi del 118. In passato, io personalmente ho avuto un incontro con un residente, ma il tema affrontato è sempre stato quello dell’illuminazione della strada, mai mi era stata evidenziata la criticità del 118″.

“Quanto è accaduto è molto grave ed ho voluto porgere le condoglianze da parte mia e dell’amministrazione alla famiglia dell’anziana signora – dichiara la Sindaca Valentina Palli, che dopo essere stata informata dell’accaduto ha contattato il 118 per verificare -. Il problema sembra essere legato al fatto che il 118 utilizzi una cartografia interna, che aggiorna con sistemi autonomi. Evidentemente vi è un problema nella cartografia interna, una falla del sistema, poiché Via Mattia Moreni è una strada denominata con tanto di cartello e numeri civici. Non è una strada sconosciuta. Da parte dell’amministrazione quindi non c’è stato alcun inadempimento rispetto alla comunicazione cartografica o di denominazione” spiega la Palli.

In seguito a quanto accaduto, la sindaca ha comunicato al consiglio comunale riunitosi ieri, 28 ottobre, l’ipotesi di ” valutare di chiedere ad Ausl di inviare agli uffici dell’amministrazione le cartografie del comune di Russi, così da poter effettuare le opportune verifiche, poichè vi sono altre strade dove i mezzi del 118 arrivano con difficoltà, sempre a causa della mappatura inadeguata”. La Sindaca ha però voluto sottolineare, che “l’aggiornamento cartografico e della viabilità deve comunque restare un’onere informativo e una responsabilità a carico del 118 Romagna Soccorso e degli uffici preposti”.

Rispetto alla questione “mancata illuminazione” la sindaca ha spiegato di essere al corrente del problema, già segnalatole da un residente, tempo fa: “La via ha la caratteristica di essere una strada privata, aperta all’uso pubblico, poiché la lottizzazione non è ancora conclusa. Il privato, cioè, non ha ancora concluso i lavori e quindi non c’è ancora stata la presa in carico da parte dell’amministrazione comunale”.

“L’ illuminazione della via sarà annessa a quella pubblica, solo dopo che la strada sarà annessa al patrimonio pubblico. Fino a quel momento dev’essere il lottizzante ad attivare ed intestarsi il contratto di servizio di fornitura dell’energia. Quando la lottizzazione sarà chiusa, e quindi la strada sarà pubblica, l’illuminazione sarà attivata tramite il patrimonio pubblico”. ha concluso la Palli.