Insulti ad una ragazza scritti sui muri della Classense. Le telecamere incastrano gli autori. Due indagati dalla Polizia Locale di Ravenna

Nei giorni scorsi personale dell’Ufficio Polizia giudiziaria e pronto intervento del comando di Polizia locale di Ravenna, ha effettuato, alle prime luci dell’alba, diverse perquisizioni a Ravenna e a Punta Marina, in esecuzione di un decreto emesso dalla Procura di Ravenna per attività d’indagine coordinate dal Pubblico ministero Monica Gargiulo. Si tratta dell’imbrattamento di muri pubblici e privati, con scritte offensive e oltraggiose ai danni di una ragazza.

Le indagini sono partite su iniziativa della Polizia locale, anche perché alcune di queste scritte sono state fatte sui muri della biblioteca Classense, edificio pubblico connotato da un alto valore culturale e turistico. Le ricerche hanno permesso di individuare i due possibili autori, uno di origini italiana e uno di origini ukraina, grazie anche alla collaborazione con la Procura di Ravenna.

Attraverso le perquisizioni dei giorni scorsi, gli agenti hanno avuto modo di recuperare, oltre agli indumenti indossati dai presunti autori ripresi dalle telecamere della Classense, anche la bomboletta utilizzata per realizzare gli imbrattamenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da obezio

    Mi raccomando, un puffetto sulle guance e la promessa di non farlo più. Siate comprensivi.

  2. Scritto da Roberto B.

    Tra le cose che meno sopporto: la violenza verbale o fisica verso i più deboli e la stupida attitudine a lordare ciò che ci contorna.
    E in un mondo al maschile, raramente amore e bellezza saranno vincenti.

  3. Scritto da vergogna

    Col DL ZAN avrebbero una aggravante in più ed una pena più severa. Perchè è vero che bisogna inseganre ai propri figli a non discriminare a non insultare a non bullizzare a non offendere o picchiare ma è anche vero che certe persone lo fanno ed altre NO, anzi, ci sono persone che insegnano ben altro ed è per questo che andrebbero puniti più severamente figli e genitori dei minori….per queste mancanze. vergogna ed ignoranza

  4. Scritto da batti

    vedi vergogna, una pena piu pesante è sempre dopo a un fatto già avvenuto. ci vuole il modo che anche lo stato , se la famiglia non è in grado, che insegni a che il fatto non avvenga, a quel punto saremmo VINCENTI

  5. Scritto da battista

    Molto bene. Un plauso alle forze dell’ordine. Grazie

  6. Scritto da agi62

    Ora servizio civile per 6 mesi ai due imbecilli (con eventuale perdita dell’anno scolastico) e ai genitori il conto del ripristino della facciata e la scuse pubbliche alla ragazza insultata.
    Aggiungerei anche la pubblicazione dei nomi, giusto per farli vergognare un po’.

  7. Scritto da bat

    nessun puffetto nè fucilazione, azione sicuramente deprecabile e vigliacca, da emeriti sfigati. penso comunque se il contesto sociale e famigliare non ce la fa a insegnare ai figli, anche lo stato deve fare la sua parte, e questo vale per le donne, per il genere x per dirla alla alla americana, dove? a scuola, posto ideale a formare uomini migliori di noi