Quantcast

Lavoratori assunti all’estero per lavorare nel ravennate, con paghe più basse e senza contributi. I controlli in un albergo portano a galla la truffa

Più informazioni su

Costituivano pseudo imprese in stati esteri, al fine di eludere l’applicazione dei Contratti Collettivi Nazionali ed evadere la contribuzione obbligatoria.

Quanto emerso è stato accertato dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Ravenna, a seguito di controlli che hanno interessato una struttura turistico-alberghiera presente nel territorio di Ravenna (non è stato fornito il nominativo dell’azienda, n.d.r.).

Il sistema messo in atto e scoperto a seguito di approfonditi riscontri, consisteva nel contattare dall’Italia, anche attraverso annunci pubblicitari, lavoratori ed aziende allo scopo di fornire manodopera. Alle ditte, veniva anche inviato un tariffario con i costi di fornitura, costi che risultavano al di sotto dei minimi contrattuali applicati in Italia.

I lavoratori, per la maggior parte italiani e residenti anche nella provincia di Ravenna, risultavano assunti all’estero, soggetti alla normativa di quello Stato e pagati là, senza alcun versamento dei contributi; il contratto di fornitura della manodopera risultava stipulato con società di uno Stato estero, in cui veniva pagato il compenso, eludendo totalmente la normativa fiscale nazionale.

La struttura turistica utilizzatrice è stata sanzionata per lavoro nero per circa 10.000 euro, non risultando i lavoratori regolarmente assunti in Italia, mentre il legale rappresentante delle aziende costituite all’estero è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per truffa ai danni dell’INPS ed elusioni in materia tributaria.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Massimiliano Galanti

    10.000 € di multa?
    Se gli chiudessero l’attività definitivamente smetterebbero subito tutti di inventarsi queste porcherie.

  2. Scritto da fiorella rosa

    solo 10.000 E? con quel che evade e truffa non gli fanno un baffo. quando ve ne accorgerete che lo sfruttamento l’abbiamo sotto al naso?

  3. Scritto da Mauro liv

    Bravi ispettori…. ma più bravo il consulente che si inventa ste truffe

  4. Scritto da Antonio Bandieras

    Sai che novità, prestigiose aziende ravennati facevano arrivare autobus di operai dall’est, regolarmente assunti con agenzie interinali locali, per costruire prestigiose opere in prestigiosi cantieri del comparto. sicuramente tutto regolare, ma quei 4€/ora erano un bel risparmio.