Quantcast

Atto vandalico No-Vax ai danni del Murale dedicato ad Enrichetta Cabassi a Conselice

Sulla via Selice a Conselice è stato imbrattato il murale dedicato alla partigiana Enrichetta Cabassi.

“Negli ultimi due anni abbiamo più volte visto la propaganda novax imbrattare muri e monumenti con slogan che nulla hanno a che fare con la pandemia in corso e tutti gli strumenti e le scelte che le istituzioni hanno deciso per contrastare la diffusione di questo virus, ma una precisa strategia eversiva della Repubblica” commentano dall’ANPI Conselice.

“A farne le spese, in questo caso, è il murale dedicato alla Partigiana Enrichetta Cabassi di Parma, compagna di lotta di Ines Bedeschi. Enrichetta, nome di battaglia Silvia, aveva creato un centro di smistamento della stampa clandestina contribuendo con successo alla sua diffusione – spiegano dall’ANPI – . Da staffetta partigiana Enrichetta era diventata un punto di riferimento tra le varie formazioni partigiane prestando poi servizio attivo nella 143a Brigata Garibaldi e morendo in seguito allo scoppio di una mina l’8 marzo 1945. Ad Enrichetta, con ciò che essa rappresenta, va la nostra ammirazione e gratitudine e non possiamo che condannare chi ha osato deturpare il ritratto dedicatole”.

“Ci attiveremo, a fianco delle istituzioni locali, affinché sia rimosso lo sfregio e ripristinato il ritratto così com’era – concludono -. Alla propaganda novax possiamo solo suggerire di studiare la Storia invece di fare finta di averla capita e di usarla erroneamente per il proprio tornaconto”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Viola

    Siamo nel pieno delle feste natalizie, dovremmo essere ” buoni e tolleranti”, ma questi gesti sanno tirar fuori il peggio che alberga anche in me. A queste persone non si confà il buonismo, non volete vaccinarvi? Non siete obbligati a farlo, ma un prezzo lo dovete ben pagare, state a casetta vostra, non rompete i ” cabasisi” a chi si è vaccinato, non solo per sé stesso, ma anche per rispetto degli altri. Chiusi come in Germania e senza tante remore sulla ” democrazia violata”, quella democrazia che avete ” sfregiato” imbrattando un simbolo di chi per la libertà VERA, quella di tutti, anche di voi ignoranti di storia si è battuta! Siete liberi di morire come volete, non sarò certo io ad augurarvi un buon covid, anche se lo meritereste, per me basterebbe un lockdown ferreo! Auguri!

  2. Scritto da Alex

    Ma perché non imbrattare il muro delle proprie abitazioni?Sempre sul bene comune ,se di tutti non è di nessuno! Spero ci siano delle telecamere anche private