Controlli fine settimana di Capodanno. Giacomini (Polizia Locale Ravenna): “poche trasgressioni”

Obbligo vaccinale per le Forze dell'Ordine: "Polizia Locale di Ravenna vaccinata al 99%"

A Ravenna il fine settimana di Capodanno, senza concerti e festeggiamenti in piazza in rispetto alle restrizioni anti coronavirus, è trascorso senza evidenziare criticità. E’ quindi un giudizio positivo quello espresso dal comandante della Polizia Locale di Ravenna, Andrea Giacomini. “Il numero delle trasgressioni rilevate è stato irrilevante – commenta -. Il lavoro fatto nei giorni che hanno preceduto la notte del 31 dicembre, per scoraggiare possibili iniziative illecite, come serate danzanti o veglioni scatenati, ha dato quindi i risultati attesi”.

“Le linee di intervento previste durante le festività natalizie erano state concordate durante il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto di Ravenna Enrico Caterino, tenutosi nei giorni prima di Natale – prosegue Giacomini – ed era stata prevista un’ulteriore intensificazione dei controlli per la serata di San Silvestro e nelle successive giornate prefestive e festive.  Per evitare assembramenti e far rispettare le norme previste dal ‘Decreto festività’, sono stati intensificati i controlli soprattutto nelle zone centrali e in quelle dove si concentrano più locali”.

Rispetto all’obbligo vaccinale per le Forze dell’Ordine, entrato in vigore a metà dicembre, Giacomini spiega che il personale della Polizia Locale di Ravenna  era già in larga parte vaccinato: “Solo una piccola quota minoritaria, inferiore al 5%, aveva delle resistenze nel sottoporsi alla vaccinazione. Grazie all’entrata in vigore dell’obbligo anche coloro che ancora non si erano vaccinati hanno avviato il percorso con la prima dose. Al momento siamo quindi al 99% di vaccinati”.

“Posso quindi dire con orgoglio che il personale della Polizia Locale di Ravenna si è dimostrato coeso nell’aderire alla campagna vaccinale” conclude il Comandante.