Quantcast

Nuove scritte no vax a Lugo, i sindaci della Bassa Romagna: “Gesto vigliacco e anonimo che danneggia la comunità”

Più informazioni su

Ancora una volta a Lugo sono comparse scritte e insulti anonimi contro i vaccini, questa volta all’ingresso del centro vaccinale di via Lumagni e sul muro perimetrale del Polo tecnico “Compagnoni”. Gli atti vandalici sono stati compiuti nella notte tra il 12 e il 13 gennaio. Imbrattature con scritte no vax sono apparse anche su cartelloni elettorali a Taglio Corelli, nel Comune di Alfonsine.

“Ancora una volta ci troviamo di fronte a un gesto vigliacco e anonimo, che non fa altro che danneggiare la comunità – dichiara la presidente dell’Unione Eleonora Proni, a nome di tutti i sindaci -. È davvero inconcepibile come di fronte a tutto quello che sta avvenendo ci siano persone che neghino l’esistenza del virus e dileggino gli sforzi che la comunità sta facendo per sconfiggere il Covid e tornare alla normalità. Come sempre, il nostro sostegno e la nostra solidarietà vanno anzitutto agli operatori che ogni giorno sono in prima linea per superare l’emergenza. Ci auguriamo che le forze dell’ordine possano identificare al più presto i responsabili di questi atti vandalici, per metterli di fronte alle loro responsabilità”.

Polo tecnico

Anche il Sindaco di Lugo Davide Ranalli si è espresso sull’accaduto: “Ancora una volta una manica di vigliacchi si sono nascosti dietro la vernice rossa per affermare l’accostamento tra chi sceglie di vaccinarsi e i nazisti (e prendersela con il sottoscritto). Lugo ha una forte tradizione democratica e i numeri dei vaccinati crescono ora dopo ora. Un fatto che dimostra quanto nessuno, a cominciare da questi cialtroni, sia in grado di orientare diversamente le persone. Rovinate un patrimonio pubblico di tutti per affermare un principio sbagliato. C’è molta consapevolezza nelle persone e sono convinto che per ogni scritta di questo tipo ci siano mille cittadini pronti a cancellarla. Cosa che faremo ovviamente al più presto”.

Anche il segretario provinciale del PD Alessandro Barattoni ha condannato fermamente gli atti vandalici compiuti presso il centro vaccinale di Lugo. “Le scritte no vax apparse a Lugo – ha detto Barattoni – sono l’ennesimo atto non giustificabile. È un’offesa a tutti coloro che ogni giorno sono in prima linea per combattere la pandemia e per tutti i cittadini che, con grande senso di responsabilità, si vaccinano. Ormai è fin troppo chiaro dai numeri che leggiamo che la vaccinazione è l’unica possibilità per tentare di uscire dalla situazione attuale. Esprimo la massima solidarietà a Davide Ranalli e a tutti gli amministratori che si stanno impegnando senza sosta sul fronte della lotta al virus per far sì che proceda a pieno ritmo la campagna vaccinale.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giò

    Vigliacchi che tengono in ostaggio la stragrande maggioranza che si è vaccinata

  2. Scritto da Giorgio

    Persone incivili, indegne e codarde…..non ci sono altre parole per “tali soggetti”, tutti leoni nel nascondersi e tutti leoni di chat….bisognerebbe mandarli in certi paesi, allora si che si divertirebbero a prendere ………