Quantcast

Pirata della strada causa due incidenti a Ravenna, poi fugge a piedi. Fermato foto

Sono due gli incidenti stradali che questa mattina, 26 gennaio, hanno mandato in tilt la viabilità cittadina. Uno in Viale Alberti, l’altro in Viale Randi. A causarli è stata una sola persona alla guida di una Peugeot grigio. L’automobilista era senza patente di guida.

Secondo le prime informazioni riferite dalla Polizia locale, l’uomo si sarebbe impossessato dell’auto della compagna, dopo aver litigato con lei e con il padre della donna. Dopo il primo incidente, avvenuto in Viale Alberti, l’automobilista ha proseguito la corsa in Via Randi e lì ha causato un tamponamento a catena che ha coinvolto 6 vetture.

A quel punto l’uomo, cittadino di origini nord africano, in stato di ebbrezza, si è allontanato a piedi, in direzione di via San Mama. È stato poi fermato dalle forze dell’ordine e condotto in Questura. Nell’incidente di viale Alberti fortunatamente non ci sono stati feriti, in quello di viale Randi due persone sono state trasportate in ambulanza al Pronto Soccorso di Ravenna.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ST

    Tunisino, in ciabatte e senza patente.
    E poi ci si lamenta se il ‘razzismo’ o quantomeno la sfiducia negli immigrati aumenta.
    Ovvio che non tutti gli immigrati sono così, come non tutti gli italiani sono ‘brava gente’, ma i casi nei quali gli stranieri combinano guai fregandosene delle leggi, mi sembrano (a naso) statisticamente molto più frequenti.
    Il problema (che riguarda anche noi italiani e molto i nostri giovani) è che le leggi, le sanzioni e le punizioni, ormai, non sono più in grado di essere deterrenti sufficienti.
    Chi non ha nulla da perdere, chi non ha una sua dignità ed un suo ego rispettoso delle leggi di convivenza, non ha paura di una denuncia o di una pena sospesa. E chi è nullatenente se ne frega tranquillamente anche di multe e sanzioni.
    Il legislatore dovrà intervenire su questo. Ed in fretta, perchè il ‘buonismo’ creerà solo un contino incattivimento delle persone. Ed un votare a destra.

  2. Scritto da Ganzo

    L’hanno sempre detto che è pericoloso guidare con le ciabatte.

  3. Scritto da Lucio

    NO COMMENT

  4. Scritto da Aldo

    Aveva fretta di andarci a pagare le pensioni

  5. Scritto da Gattorosso

    Per non essere ripetitiva, mi associo a quanto espresso da ST, dalla prima all’ultima parola, trattenendo il mio disappunto in merito a questa ed altrettante vicende.!

  6. Scritto da batti

    quello che scrivi ST sono parole sante, ma quello che chiedi è piu difficile da fare, le sanzioni una volta fatte valgono per tutti. e questo non si vuole

  7. Scritto da abba

    non si può non essere d’accordo con ST, lodando nel contempo la Redazione perchè ha il coraggio di pubblicare anche commenti di diverso pensiero

  8. Scritto da uno che guida

    ST ha esposto le sue ragioni, anche se non tutte pienamente convincenti. Due gli sono però sfuggite, e importanti: che da anni, non si vede quasi più nessun vigile urbano o, meglio ancora, poliziotto stradale, specialisti della materia e molto efficaci nell’indurre una guida corretta con la sola loro presenza. L’altro argomento mancante è che gli italiani guidano sempre più disordinatamente (per esempio non usano quasi mai i segnalatori direzionali) e molto spesso non rispettano la distanza di sicurezza – vi dice qualcosa il maxi tamponamento?

  9. Scritto da agi62

    Caro ST, il legislatore è già intervenuto nella persona della ministra Cartabia (come il Berlusca e altri di SX prima di lei) che ha di fatto stoppato la Giustizia per i processi troppo lunghi, invece di aumentare le risorse e il personale ha fatto prima a dire che se un processo dura troppo è nullo, così ha dato la possibilità ai politici e agli amici vari di sottrarsi al Giudice con varie scuse mentre gli onesti cittadini che hanno processi in corso si vedranno negati i propri diritti di parti lese e i delinquenti rideranno loro in faccia.
    Poi ci chiediamo perchè tutti i delinquenti stranieri vengono nel nostro Paese, come non ne avessimo già abbastanza dei nostrani.
    Viva l’Italia!!!

  10. Scritto da amareggiato

    e i nostri politici perdono tempo a votare non si sa per quanto …..
    invece di trovare un accordo prima !
    sembra di assistere a una telenovela …..

  11. Scritto da massimo siroli

    Giustissimo quello che avete scritto.Ma oggi un italiano bianco ha compiuto una strage famigliare.Bisognerebbe spendere qualche parola anche per questi episodi sempre più frequenti commessi da uomini di razza Caucasica.

  12. Scritto da mirko

    Vacca boia L’ST, ieri a sindacare su Israeliani e comunisti, oggi a i. partire proposte di legge.
    Domani mi toccherà votare ST???

  13. Scritto da uno che guida

    Credevo di avere esaurito l’argomento e invece mi ero perso la cosa più importante: bravo Massimo Siroli, che ci fa notare che è meno peggio uno che guida un pò brillo e in ciabatte di uno che uccide la compagna.

  14. Scritto da artemio

    uno che guida e M Siroli..e’ vero e poteva anche piovere quel giorno! dato un male ce ne sara’ sempre uno peggiore da citare, importante e’ che succenda sempre agli altri cosi possiamo minimizzare

  15. Scritto da Luka

    Qui non si tratta di razzismo ma di mancanza di rispetto degli altri. Poteva essere italiano, eschimese, essere vivente della Cintura di Orione, sempre disprezzo delle regole e degli altri vi è stato. I motivi possono essere un milione ma non giustificano quei comportamenti che potevano avere conseguenze anche più serie, visto l’orario di punta e la zona cittadina dove è successo il tutto. Punto.