Quantcast

Ravenna, scattano gli aumenti d’indennità per Sindaco e Assessori stabiliti dalla Legge di Bilancio Draghi 2022

Più informazioni su

Come già anticipato nelle settimane scorse, con la Legge di Bilancio 2022 approvata dal Governo Draghi, sono scattati gli aumenti delle indennità di carica dei pubblici amministratori. L’adeguamento stabilito dal Governo centrale sarà scaglionato nel tempo. Il Sindaco Michele de Pascale che fino a tutto il dicembre 2021 percepiva un’indennità di carica mensile di 5.362 euro lordi passa a 7.917 euro dal 1° gennaio 2022, che diventeranno 9.233 dal 1° gennaio dell’anno prossimo e poi 11.040 dal 1° gennaio 2024. Il Vice Sindaco Eugenio Fusignani passa dai 4.021 euro lordi del 2021 ai 5.937 euro del 2022 ai 6.917 nel 2023 agli 8.280 nel 2024 (l’adeguamento corrisponde al 75% dell’indennità del Sindaco).

Gli Assessori comunali e il Presidente del Consiglio comunale (l’adeguamento in questo caso corrisponde al 60% dell’indennità del Sindaco) passano dai 3.217 euro lordi del 2021 ai 4.750 euro del 2022 ai 5.533 euro del 2023 ai 6.624 euro nel 2024.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da RM

    A noi aumentano tutte le spese, luce, acqua, gas, benzina, generi alimentari…..
    A loro aumentano lo stipendio!

  2. Scritto da Verlek

    Aumentano le bollette, aumenta il caffè al banco, pompe di benzina alle stelle, sono più tranquillo quando leggo queste notizie 😉

  3. Scritto da brighi

    Diventa davvero un problema, con un costo cosi elevato non portano nulla di sostanziale: Solo cemento armato, consumo del territorio!
    Che affarone!

  4. Scritto da Libero

    Veramente non ci sono parole! il vice sindaco guadagnerà 8.000 euro ??? ma siamo matti.
    La politica è veramente scollata dalla realtà. Abbiamo giovani di valore laureati costretti ad andare all’estero per avere uno stipendio che gli permetta di vivere perchè da noi più di 800 euro non guadagni e queste grandi menti illuminate arrivano a queste somme. Vergogna

  5. Scritto da Alex

    Non sono scandalosi gli stipendi, scandalosa è la mancanza di reali risultati a fronte di questi.

  6. Scritto da agi62

    Concordo con Alex, è scandaloso e deplorevole uno stipendio del genere con la città che va a rotoli, se dovessimo pagare certi politici o amministratori per come lavorano, farebbero la fame, invece nel pubblico tutto è permesso, anche fare danni senza avere un briciolo di responsabilità, valà che se questi personaggi lavoravano in un’azienda privata duravano poco.
    Viva l’Italia!!!

  7. Scritto da paolo

    è vergognoso aumentarsi gli stipendi in questo difficile periodo

  8. Scritto da Direttore

    Signor Paolo, come abbiamo spiegato l’aumento non è stato deciso dal Comune di Ravenna né dal Sindaco, è una decisione presa dal Governo nazionale e vale per tutti i comuni d’Italia. Giusto per essere chiari e non fare della demagogia. LA REDAZIONE

  9. Scritto da Marco74

    oltre allo scandalo di tali compensi base si aggiungeranno tutte le identità ed altri incarichi che coprono.
    Quello che fa maggiormente inc…..e è che non si meritano compensi simili , soprattutto per l’operato

  10. Scritto da lorenzo

    Gentile Direttore, e vediamo se questo commento lo pubblica, credo che sia chiaro a tutti, leggendo i commenti, che l’aumento sia stato disposto da altri, che comunque dimostrano di vivere al di fuori della realtà, stante l’attuale e pregressa situazione di questo paese. Non è scandalosa la remunerazione, ma i risultati di chi questa remunerazione percepisce. La situazione di Ravenna è sotto gli occhi di tutti. Giustamente, come qualcuno ha scritto, se fossero dipendenti del privato, a quest’ora sarebbero tutti al collocamento. Sa io faccio una grande fatica a spiegare ai miei figli che devono studiare, quando mi sento rispondere che tanto il sindaco che ha le superiori, prende di più di un brillante laureato, il quale, se vuole vivere dignitosamente è costretto ad andare all’estero, se non vuole scendere a compromessi nel nostro paese.

  11. Scritto da MAURIZIO

    Questa politica e’ una cosa vergognosa e’ da mesi che si scambiano le figurine per eleggere il presidente della repubblica e non hanno il minimo senso della realtà e dei problemi reali dei cittadini . Il governo aumenta gli stipendi ai politici nella misura del 60/75% SCANDALOSO ? MA PER I SANITARI E LE FORZE DELL’ORDINE CHE AUMENTI SONO PREVISTI ? MI SEMBRA CHE LA SITUAZIONE VERIFICATASI NEGLI ULTIMI ANNI A QUESTE CATEGORIE POTEVA ESSERE CONCESSO UN AUMENTO . RIBADISCO TUTTO QUESTO E’ SCANDALOSO.🤮🤮

  12. Scritto da Andrea

    Ma dove sono riusciti a trovare tutti questi soldi, in piena emergenza sanitaria ed economica?

  13. Scritto da Petar

    Agli “eroi” in corsia, tanti applausi e pacche sulle spalle ma devono fare ancora i conti con un salario da fame con tutte le responsabilità che hanno (io non sono un sanitario). In generale il lavoratore medio in questo Paese che è fra i più industrializzati al mondo è fortunato ad averne un’occupazione e quando ce l’ha anche qui parliamo di salari non in linea con i paesi della comunità. Questi politici hanno avuto degli aumenti molto sostanziosi ma non voglio più sentire parlare di furti in appartamento, voglio vedere strade e ciclabili come biliardi, una città come Ravenna, molto sporca, la voglio vedere brillare, e voglio vedere le forze dell’ordine in giro a pattugliare!! Che Belpaese!!!!

  14. Scritto da cromwell

    8000 euro per promettere la ZTL in via Portone? Questa è la vera demagogia che fa il paio col pervicace rifiuto di separare l’amministrazione dalla politica. Via i consigli comunali e gli assessorati, riduzione a un quinto degli oltre ottomila comuni e cominciare a mettere negli uffici, dopo avere ridotto all’osso la burocrazia, funzionari competenti e non funzionari di partito.