Unione Bassa Romagna: sull’aggressione all’Ucraina il Consiglio chiede la massima mobilitazione delle istituzioni

Il Consiglio dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha approvato all’unanimità un ordine del giorno di condanna dell’aggressione all’Ucraina. Il documento chiede alle istituzioni nazionali il massimo sforzo affinché si eviti l’escalation militare, nel rispetto dell’articolo 11 della Costituzione italiana, preservando la pace nel continente europeo, secondo i principi della comunità internazionale che l’Onu deve garantire, nonché di fermare l’invasione dell’Ucraina tornando all’applicazione degli accordi di Minsk e al rispetto degli accordi di Helsinki, ribadendo il principio fondamentale dell’inviolabilità delle frontiere.

L’ordine del giorno invita inoltre la giunta dell’Unione della Bassa Romagna a promuovere e a partecipare a ogni possibile mobilitazione contro l’aggressione russa, e a promuovere, coordinare e sostenere qualsiasi aiuto umanitario necessario alle popolazioni coinvolte, iniziando dai cittadini ucraini residenti in Bassa Romagna per aiutarli nelle loro necessità amministrative e logistiche, anche nell’ottica di mantenere la comunicazione o favorire il ricongiungimento con i loro familiari rimasti in Ucraina.

Inoltre, viene chiesto alla giunta di promuovere un tavolo di coordinamento delle iniziative di sostegno ai cittadini ucraini messe in campo dalle associazioni di volontariato locali, nazionali e internazionali per rendere più efficace e tempestiva la generosità dei cittadini e contestualmente a chiedere alle forze dell’ordine la massima attenzione per contrastare ogni eventuale tentativo di truffa legato a questa emergenza.

«Essere costretti a lasciare il proprio paese, le proprie case e in moltissimi casi parte delle proprie famiglie è una violenza che in queste settimane la popolazione ucraina ha subito in modo drammatico – ha commentato Eleonora Proni, presidente dell’Unione -. La rete dell’accoglienza si è subito attivata anche nel nostro territorio, coordinata dalla Prefettura con il supporto dell’Area Welfare dell’Unione dei Comuni e il prezioso apporto di associazioni di volontariato e parrocchie. Tra tante difficoltà e sofferenze, il nostro dovere come istituzioni e come comunità è quello di accogliere chi fugge dalla guerra e garantirgli non soltanto beni di prima necessità, ma momenti di normalità e di vicinanza».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Anna

    Certamente siamo a fianco del popolo ucraino, e siamo consapevoli che questa guerra è economica, Putin se non avesse gli accordi per vendere il suo gas e petrolio a Cina, India, e Pachistan non avrebbe, secondo me, invaso l’Ucraina, se fosse rimasto isolato e con sanzioni economiche occidentali, purtroppo nonostante i 30 anni di indipendenza ucraina, non abbiamo mai fatto contratti per gas e petrolio dove in questa nazione vi sono giacimenti enormi compreso l’uranio, sicuramente abbiamo sbagliato accecati dal denaro russo non capendo che il denaro era il nostro, grande dispiacere vedere come vengono uccisi i civili di ogni età, ma bisogna riuscire a mettersi al tavolo con questi criminali per riuscire a fermare questo orrore, e cercare una trattativa di pace, abbiamo dei responsabili nazionali, e europei competenti per capire come muoversi veramente o no? I paesi europei contano più di 450 milioni di persone, muoviamoci a favore delle trattative di pace e aiutiamo gli ucraini a ricostruire le loro case e a tornare nella loro terra.