Quantcast

Romagna​ Faentina, attivate misure per contrastare diffusione della zanzara tigre e comune

Le ordinanze sono in vigore fino al 31 ottobre

Più informazioni su

In vigore fino al 31 ottobre le ordinanze dei sindaci dei sei comuni della Romagna​ Faentina per il contrasto alla diffusione della zanzara tigre (Aedes albopictus) e della zanzara comune (Culex pipiens). Le ordinanze si inseriscono nel più ampio programma di lotta integrata contro le zanzare che l’Unione realizza per i sei Comuni, sulla base del Piano regionale di sorveglianza e controllo delle arbovirosi, che comprende anche interventi larvicidi periodici nella tombinatura stradale e nei fossati e canali che si trovano nel territorio.

Tra le disposizioni indicate dalle ordinanze (pubblicate all’Albo e sui siti web dell’Unione e dei comuni), sono previsti vari obblighi, come evitare tutti i ristagni d’acqua, eliminando – per esempio – tutti i recipienti ove può fermarsi l’acqua, effettuare con regolare periodicità i trattamenti nelle caditoie private con specifici prodotti larvicidi, garantire che i trattamenti siano eseguiti anche durante i periodi di assenza (per esempio durante le ferie estive) e ripetuti dopo un’abbondante pioggia. Qualora i cittadini siano in difficoltà a realizzare questi semplici trattamenti nei propri pozzetti privati, è possibile rivolgersi a ditte specializzate. Se si desidera evitare la ripetizione dei trattamenti nei pozzetti è possibile installare una rete zanzariera che per tutto il periodo estivo impedirà alle zanzare tigre di proliferare. Del materiale informativo è disponibile sul sito web dell’Unione e dei comuni.

Per garantire il rispetto delle disposizioni previste dalle ordinanze, si terranno dei controlli a campione sull’intero territorio dell’Unione.

Trattamenti adulticidi

Si sconsigliano vivamente i trattamenti adulticidi, in quanto non sono selettivi e uccidono anche insetti impollinatori, con ricadute negative sulla biodiversità; tra gli effetti secondari da non sottovalutare anche l’insorgenza di fenomeni di resistenza agli insetticidi da parte delle zanzare ed effetti sulla salute umana.

Pertanto, questi potranno essere eseguiti negli spazi privati solo in via straordinaria, previa comunicazione scritta all’Unione e all’Ausl, nel rispetto delle prescrizioni e delle modalità di esecuzione regolamentate per legge e dalle linee guida regionali per il corretto utilizzo dei trattamenti adulticidi.

Una app dedicata alla lotta alle zanzare

La Regione Emilia-Romagna ha attivato l’APP ZanzaRER, uno strumento di comunicazione vicino al cittadino e di facile consultazione in qualsiasi momento, semplicemente tramite uno smartphone. Al suo interno si possono trovare informazioni utili e approfondimenti sulle zanzare, sulla relativa lotta e prevenzione. Nella app, registrandosi e creando un proprio account, l’utente riceverà indicazioni operative differenziate in base alla tipologia di utente o al tipo di trattamento necessario, oltre a un avviso automatico che lo avverte quando è il momento di effettuare un trattamento.

Per maggiori informazioni visitare: https://www.zanzaratigreonline.it/it/comunicazione/app-zanza-rer

cartellone

cartellone

Più informazioni su