Lettera di condoglianze del Prefetto di Ravenna alla figlia di Bruno Padovani, morto per salvare dei bambini dalle onde. Il Comune ai funerali

Con una lettera indirizzata alla signora Paola, figlia di Bruno Padovani l’82enne di Nogara morto sulla spiaggia tra Lido Adriano e Punta Marina, dopo aver portato in salvo uno dei 4 bambini tra 8 e 10 anni che stavano rischiando di annegare, il Prefetto di Ravenna Castrese de Rosa ha voluto esprimere le proprie condoglianze.

“Desidero porgerLe le mie più sentite condoglianze per la tragica scomparsa del suo caro papà dopo che si era adoperato per salvare quattro bambini in difficoltà tra le onde del mare, dimostrando un eccellente esempio di adempimento del dovere, in spregio di ogni rischio e pericolo. Un gesto di amore che riempie di commozione il cuore di ognuno di noi mostrando valori che papà Bruno ha saputo trasmettere attraverso quell’atto di altruismo veramente straordinario. Per la sua impresa eroica, Bruno, ha sacrificato purtroppo la sua vita, quella vita vissuta sempre al servizio degli altri con grande coraggio, con immensa generosità e forte senso del dovere e sacrificio. Con sentimenti di sincera, profonda e affettuosa vicinanza, spero di rivederLa a Ravenna”.

Il Comune di Ravenna ai funerali di Bruno Padovani

In rappresentanza del Comune di Ravenna l’assessore Giacomo Costantini parteciperà sabato, 2 luglio, ai funerali di Bruno Padovani, l’uomo di 82 anni morto lunedì scorso, 27 giugno, a Lido Adriano, dopo aver soccorso dei bambini che stavano rischiando di annegare. I funerali si svolgeranno a Nogara (Verona), dove Padovani viveva. Ci sarà anche il gonfalone del Comune.

All’indomani della morte di Bruno Padovani il sindaco di Ravenna Michele de Pascale ha scritto una lettera alla figlia per “esprimerle la più profonda gratitudine da parte mia e dell’intera città di Ravenna per il gesto eroico di suo padre, che a costo della sua stessa vita, ha salvato quella dei piccoli in difficoltà in acqua”.

“Tutta la comunità ravennate – ha concluso il sindaco – la stringe in un abbraccio nel ricordo di suo padre, capace di un atto di straordinario coraggio e altruismo che non dimenticheremo”.