Inaugurati a Castel Bolognese il nuovo impianto di video sorveglianza e la nuova sede della Polizia locale

Implementata con 32 nuove telecamere la videosorveglianza. Complessivamente, il Comune disporrà ora di oltre 70 telecamere

Più informazioni su

Si è tenuta stamattina, presso il Comune di Castel Bolognese, la riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto di Ravenna Castrese De Rosa, alla presenza del Sindaco Luca Della Godenza, dei vertici provinciali delle Forze di Polizia, del Comandante del presidio della Polizia Locale, di una rappresentanza della Giunta e del Consiglio Comunale.

Nell’occasione è stato inaugurato il nuovo impianto di videosorveglianza, al termine dei lavori di ampliamento della rete, recentemente implementata con 32 nuove telecamere, installate a seguito dell’Accordo di Programma siglato nel 2021 tra la Regione Emilia-Romagna e l’Unione della Romagna Faentina. Complessivamente, il Comune disporrà ora di oltre 70 telecamere che consentiranno un’importante attività di controllo del territorio comunale. Le nuove videocamere sono state installate in alcuni parchi ed aree verdi, nella zona sportiva, sotto ai portici della Via Emilia e nell’area cimiteriale.

L’investimento complessivo è stato di 170 mila euro di cui 80.000 finanziati dalla Regione e la restante parte dal Comune di cui 50 mila euro per progetti ed iniziative educative “di strade”. Inoltre, l’Unione della Romagna Faentina ha adottato una tecnologia per rendere più efficiente ed efficace il monitoraggio e la manutenzione dell’intera rete di videosorveglianza.

“L’incremento dei sistemi di videosorveglianza – ha dichiarato il Prefetto De Rosa – è essenziale per l’attività di prevenzione e repressione dei reati, costituisce un importante deterrente e, laddove vengono perpetrati reati, può rendere maggiormente efficace l’attività info-investigativa. La presenza del Comitato a Castel Bolognese è un atto di attenzione e prossimità agli amministratori e nello stesso tempo di compiacimento per questo importante investimento realizzato”.

Nel corso della riunione è stato poi svolto un esame dell’andamento dei delitti nel territorio comunale riferita sia al triennio 2019-2021 che al primo semestre dell’anno in corso. Per quanto attiene al periodo 2019-2021 i dati forniti dalle Forze di Polizia hanno posto in risalto un decremento dei reati denunciati (– 13,74% ), così come per i reati predatori: in particolare, i furti totali sono diminuiti del 10,94% e i furti in abitazione hanno fatto registrare un – 25%.

Per il semestre appena trascorso, i dati hanno evidenziato un’ ulteriore diminuzione dei delitti in generale, con un – 3,97% rispetto all’analogo periodo del 2019, con un valore in controtendenza per quanto attiene, invece, i reati predatori che sono aumentati del 25,59%.

A tal riguardo il Prefetto ha disposto un’intensificazione dei servizi per contrastare più efficacemente questa fenomenologia di reati, unitamente al micro spaccio e alla prostituzione, che potrà essere comunque maggiormente contrastata grazie all’implementazione della rete di videosorveglianza appena realizzata.

“È importante – ha affermato il Sindaco di Castel Bolognese – il gioco di squadra tra le istituzioni per affrontare il tema della sicurezza, con il coinvolgimento anche del Consiglio Comunale e dell’Unione della Romagna Faentina”.

Il Sindaco ha assicurato interventi adeguati per la prevenzione e la rigenerazione urbana in un’ottica di partecipazione e controllo del territorio che esalti la coesione istituzionale.

Il Comitato ha poi proceduto insieme al Sindaco e agli Amministratori comunali ad inaugurare la nuova sede della Polizia Locale che potrà ora disporre di spazi più moderni, funzionali e tecnologicamente attrezzati.

Più informazioni su