Il Comune di Cervia ha adottato il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile: più sosta, più ciclabili, più sicurezza e mezzi meno inquinanti

Più informazioni su

Il Comune di Cervia ha adottato, con delibera di Giunta, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), strumento che ha l’obiettivo di fornire una visione condivisa del sistema della mobilità per il prossimo decennio, volto a promuovere una mobilità efficiente e conseguire obiettivi legati alla tutela del patrimonio storico, culturale, ambientale e della qualità della vita dei cittadini.

Il PUMS, in coerenza con le linee guida nazionali, ha una pluralità di obiettivi, tra i quali il potenziamento delle aree di sosta urbane, la promozione della ciclabilità attraverso lo sviluppo della rete ciclabile su tutto il territorio comunale, il potenziamento e la qualificazione dei percorsi pedonali, interventi migliorativi sulla rete viabile, il miglioramento del trasporto pubblico e dei collegamenti per qualificare l’offerta turistica, l’incentivo a utilizzare mezzi non inquinanti, il miglioramento dell’accessibilità urbana all’utenza debole e l’aumento della sicurezza stradale.

Le strategie delineate sono quelle caratteristiche della città resiliente, già vision della strumentazione di programmazione territoriale: “Cervia città identitaria, città accessibile, città sicura e ospitale, città verde”.

Il PUMS appena adottato è stato sviluppato con il contributo di cittadini e stakeholders, attraverso un percorso partecipato che ha messo in evidenza criticità e possibili soluzioni. Contestualmente è stato predisposto il quadro conoscitivo, a fotografia dello stato di fatto e del flusso di mobilità che interessa la città di Cervia durante le diverse fasi dell’anno.

La ciclabilità è la tematica centrale del PUMS che prevede una connessione capillare del territorio, al fine di mettere in relazione le aree strategiche della città come punti di interesse storico-culturale, i luoghi letterari, le zone turistiche, le aree naturalistiche (saline e pineta) e la parte agricola della campagna che ancora conserva i segni della centuriazione romana, nonché le località del forese.

Il progetto inoltre intende progettare e riqualificare gli spazi pubblici per destinarli alle persone, ai bambini e alle famiglie, recuperando aree degradate e abbandonate, tramite anche interventi sperimentali e con alto valore comunicativo.

Con il PUMS, Cervia si dota dell’ultimo elemento atto a costituire, insieme al Piano Urbanistico Generale (PUG) ed al Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC), la triade virtuosa di strumenti pianificatori.

A seguito dell’adozione il PUMS sarà sottoposto al periodo di deposito e pubblicazione, al fine di raccogliere i contributi di cittadini e stakeholders, e sarà inoltrato ai soggetti competenti in materia ambientale per l’espressione del parere ai sensi di legge, per terminare il suo iter con l’approvazione finale.

La documentazione relativa al PUMS sarà pubblicata sul sito https://www.cerviasostenibile.it/pums/ per la consultazione e nella medesima pagina verranno indicate le modalità di trasmissione dei contributi da parte di chiunque interessato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ELIO GUIDI

    Trovo aberrante che a Cervia ma soprattutto Milano Marittima l’Amministrazione Comunale abbia intensificato a tappeto e in modo indiscriminato i parcheggi a pagamento. Credo si possa parlare giunti a questo punto di accanimento. Per trovare un parcheggio libero (non a pagamento) nel mese di settembre in zona porto canale lato MiMa ho girato per circa mezz’ora senza trovarlo. Neanche in una città come Bologna si è arrivati a tanto.
    E’ pura follia, e mancanza di rispetto verso i cittadini, residenti e non. Vergogna!