Al via oggi il festival “Passatelli in Bronson” con Cristina Donà

Sul palco di Madonna dell'Albero anche il giovane Massaroni Pianoforti. Domani ci si sposta al Fargo Cafè

Più informazioni su

Aspettando il Natale anche quest’anno si potrà a gustare “Passatelli in Bronson”. La ricetta è semplice: da oggi al 21 dicembre al Bronson (e uno spin off al Fargo cafè) va in scena un festival di musica mai vista prima, un evento unico che vedrà sul palco alcuni tra i gruppi più importanti del panorama musicale indipendente italiano e internazionale come Bombino, Cristina Donà, Ronin, Niños du Brasil, Be Forest, Havah e molti altri. E naturalmente ci sono anche i passatelli, da gustare al piano superiore.

L’ingresso per la serata di oggi è di 15 euro

 

CRISTINA DONA’

Dopo l’uscita del nuovo album e la presentazione dei brani in versione acustica (12 concerti in ottobre tutti sold out) Cristina torna sulle scene con il tour elettrico e la formazione al completo. Al musicista e produttore Saverio Lanza si aggiungono Emanuele Brignola al basso – già al suo fianco dal 2007 – e Cristiano Calcagnile batterista e percussionista storico della Donà che l’ha accompagnata nei tour dei primi tre album. Le profonde emozioni vissute in ogni concerto dello “Special Acoustic Tour” appena trascorso, invitano Cristina a proseguire sulla strada così tracciata anche per la nuova fase dal vivo, nello “Special Electric Tour”.

L’incantautrice continuerà così a raccontare i nuovi brani e una parte importante del suo repertorio in modo speciale, “intimo”, come la direzione artistica e il titolo dell’album “Così vicini” esigono, aggiungendo sfumature alla versione acustica del concerto. Lo Special Electric Tour si svilupperà infatti attraverso nuove dimensioni, per dettaglio, ampiezza e spinta propulsiva, grazie alle grandi capacità espressive dei musicisti in formazione ed ai nuovi arrangiamenti costruiti per l’occasione. Ancora una volta, dopo vent’anni dedicati all’amore per la musica, dalla Donà ci si aspetta l’inatteso e un nuovo traguardo.

 

MASSARONI PIANOFORTI

Classe 1976, viene da Voghera, si definisce “cantautonomo” e prende il suo bizzarro nome d’arte più semplicemente dalla sua azienda di famiglia. Ha collaborato e registrato al fianco di Cesare Malfatti dei La Crus. Tra i primi artisti a tentare la scommessa crowdfunding sul portale musicraiser.it, è stato scoperto e messo sotto contratto dalla BMG.

 

Massaroni Pianoforti – al secolo Gianluca Massaroni – dopo aver vinto il primo premio come miglior testo a Musicultura 2006 decide di dar vita a questo nuovo progetto musicale e apre i concerti di Moltheni, Offlaga Disco Pax e Dellera. Nel 2013 esce il suo primo disco, prodotto da Giovanni Gulino dei Marta Sui Tubi e distribuito dalla Universal in collaborazione con Antenna Music.

Ma il 2014 ha visto l’uscita del nuovo album, “Non date il salame ai corvi”, secondo lavoro in studio del talentuoso e ispirato cantautore Gianluca Massaroni, ma primo con il nome d’arte Massaroni Pianoforti. Il nuovo disco è stato possibile anche grazie al finanziamento ricevuto attraverso Musicraiser.it, la prima e più diffusa piattaforma di crowdfunding in Italia fondata da Tania Varuni e Giovanni Gulino (Marta sui Tubi). Massaroni è talmente piaciuto che Musicraiser ha deciso di proseguire il lavoro con lui producendogli il disco come etichetta discografica, avvalendosi della distribuzione di Universal. “Non date salame ai corvi” contiene undici brani in cui si definisce il percorso di un cantautore dalle grandi potenzialità, capace di emozionare e far sorridere insieme, in cui l’ironia cela uno sguardo lucido sulla vita e le sue contraddizioni.

Più informazioni su