Quantcast

Quarto appuntamento con l’Accademia del Ricercare a Bagnacavallo per “I luoghi dello Spirito e del Tempo”

Quali musiche ascoltava Leonardo da Vinci nei suoi viaggi tra le corti? Quali musiche suonava, lui che era stato assunto dal duca di Milano come suonatore di liuto? Una possibilità di ascoltare i suoni dell’epoca leonardesca, e in particolare del periodo da lui trascorso a Milano viene offerta dal Festival I luoghi dello Spirito e del Tempo, che, nella sua prossima tappa (martedì 6 agosto, alle ore 21), a Bagnacavallo, presenta musiche del massimo compositore milanese vissuto e operante all’epoca di Leonardo: Franchino Gaffurio.

Il programma è una produzione dell’ensemble piemontese “Accademia del Ricercare”, che dà della produzione di Gaffurio un’interpretazione estremamente interessante e variegata, unendo alle voci che formano l’organico di base uno strumentario ricchissimo che comprende vielle, flauti, cornamuse: si ricrea così quella varietà di timbri e colori che era caratteristica del Rinascimento musicale.

Il concerto inizia alle 21 ed è come sempre ad ingresso libero. Dopo questo appuntamento il Festival si prenderà una pausa per le festività di Ferragosto, per ripartire come di consueto a Brisighella, dove il 22 agosto sarà possibile ascoltare un intenso programma dedicato alle voci femminili nel primo Barocco.

Tutte le informazioni su date e luoghi del Festival si trovano sul sito web http://collegiummc.racine.ra.it e sulla pagina facebooked, è possibile inoltre telefonare agli uffici Turistici dei comuni interessati.