Milano Marittima, la mostra con le storiche tele di Werther Morigi continua per tutto il mese di agosto

Nel quadro della sessantottesima esposizione personale a Milano Marittima di Werther Morigi, la Bottega d’Arte continua l’investigazione aereiforme, materica, spaziale e visionaria di altre dieci affreschi su juta di Morigi. È una esperienza per palati fini che applica la diretta relazione fra lo spazio fisico della tela e la percezione dello spettatore.

Il maestro dal 1947 soggiornò e dipinse tutte le estati fra Cervia e Milano Marittima rimbalzando sulla tela i Misteri Segreti che la Terra e il Cielo fluttuano sul mare. “Non c’è nulla di segreto che non sia dipinto, nulla di celato che non sia colorato e venga manifestato nell’apoteosi della luce.”

La pittura fertile di Morigi riflette l’eternità con la creazione di colori unici che attingono alle sostanze del luogo; calcare delle conchiglie di Cervia, argilla delle Saline, edera di Stella Maris. etc.. Il maestro tintore, attraverso la fertile impollinazione di tèleri in juta intonacati ricostruisce per intero la sua storia e quella del “paese del vento”. La visione delle sue opere: “ Il Mistero Segreto fra Terra e Cielo“ magica occhi e cuore dello spettatore e si può dire lo rintrona di bellezza, il che non ha controindicazioni anche in questa epoca digitale.

La selezione delle dieci opere è curata dal comitato scientifico di storici della Bottega d’Arte, Archivio Nazionale del Corpus Opera Omnia di Werther Morigi (1915-1990) con sedi a Forlì , Milano Marittima e Parigi. La presentazione antologica delle opere patrocinata dal Comune di Cervia si protrarrà fino a tutto agosto con incontri e illustrazioni guidate, distribuzione catalogo e materiale promozionale editi dalla Bottega d’Arte.

“Vivere senza mettere il naso nell’arte è come galleggiare in apnea nel mare dell’indifferenza” 
Werther Morigi, il pittore di Milano Marittima (1915-1990).