Dall’Accademia di Belle Arti di Ravenna partono per Roma 4 opere importanti di Antonio Canova

Partono oggi, 30 settembre, per Roma dalla sede del MAR Museo d’Arte della Città, dove a oggi si trova il maggior numero di gessi di proprietà dell’Accademia di Belle Arti, le opere Endimione dormiente 1819-1822, Castore e Polluce (teste dai Colossi del quirinale), mentre parte dal Liceo Artistico Nervi la Stele funeraria per Giovanni Volpato, sempre di proprietà dell’Accademia.

I gessi sono stati selezionati direttamente da Giuseppe Pavanello, grande esperto del Canova e curatore della mostra “Canova Eterna Bellezza” che avrà luogo al Museo di Roma Palazzo Braschi dall’8 ottobre 2019 al 15 marzo 2020, un’esposizione importante che accoglierà visitatori da ogni parte del mondo e che indaga il rapporto di Canova con la città di Roma.

Antonio Canova

Un’occasione unica per far conoscere il patrimonio ravennate e dell’Accademia, dando prestigio alla città di Ravenna. I gessi fanno parte di un importante nucleo del Canova ancora oggi prezioso patrimonio dell’Accademia, che già dal 1828 vennero a far parte del corredo della neonata Accademia grazie a diverse donazioni (come nel caso dell’Endimione donato dal Cardinale Rivarola) e utilizzati anche per scopi didattici.