Al Private Banking della Cassa di Ravenna arriva la mostra di pittura sulla Divina Commedia

Dal 2 al 15 ottobre presso le vetrine del Private Banking della Cassa di Ravenna in Piazza del Popolo arriva la mostra di pittura sulla Divina Commedia “La Divina Parola”, del pittore Daniele Albatici.

“Il pennello e la matita di Albatici-  racconta Franco Gàbici – danno vita e colore ai versi danteschi che nella loro sequenza costruiscono un itinerario di salvezza che dalla selva conduce alla Verità. Fra le figure del Paradiso emerge, non a caso, la figura di San Francesco al quale Albatici dedica una tavola per ricordare il ruolo determinante che i figli di san Francesco ebbero nella ben nota vicenda del trafugamento delle Ossa di Dante, gelosamente conservate e restituite alla mostra città. Albatici passa con disinvoltura dal cromatismo al bianco e nero riuscendo sempre a cogliere il senso dei versi per farlo risaltare in tutta la sua forza. Questa mostra è un omaggio a Dante nella città di Dante e al tempo stesso un invito a mantenere sempre accesa la fiammella del culto del Poeta e della sua opera. Ogni visitatore dovrebbe identificarsi con quel Dante che sta all’ingresso della “selva oscura”, non certo per trovare smarrimenti e paure, ma per trarre il coraggio di intraprendere l’arduo cammino verso la Verità”.

Biografia

Daniele Albatici, nato a Ravenna nel 1950, si diploma all’Istituto d’Arte per il Mosaico di Ravenna nel 1969 e consegue il diploma dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, indirizzo di Scultura nel 1973.

E’ stato insegnante di Scultura presso il Liceo Artistico di Ravenna fino al momento della pensione. Ha sempre praticato attività artistiche legate principalmente alla pittura, pur non disdegnando incursioni nel campo della musica e dell’espressione teatrale. Dai primi anni del 2000 si interessa artisticamente all’opera del sommo Poeta, di cui ha musicato alcuni brani della Divina Commedia, traendone spunti per realizzare opere pittoriche che ha esposto in alcune mostre in Italia e in Germania.

Sue opere sono presenti nella chiesa del Redentore di Ravenna e nel Santuario Mariano di Collina di Pondo (Santa Sofia-Forlì), oltre che in varie collezioni private in Italia e all’estero. Ha eseguito il Niballo Palio di Faenza del 2019.