Pillole da La Stagione dei Teatri: “Docile” ovvero come essere inadatti all’efficienza contemporanea

Linda Barbiani – la protagonista di questo delicato, surreale, grottesco apologo – non ha vinto ricchi premi alla lotteria della nascita: la dea bendata le ha assegnato umili origini e i genitori le hanno donato un habitus maldestro e naïf, inadatto all’efficienza contemporanea. Tutta la sua vita è contrassegnata dal disagio e dalla cedevolezza che aggioga chi gli ostacoli se li porta dentro; e se la vicenda le riserva attraversamenti nell’onirico, la sua indole bovina sembra rispecchiare quella di chi affronta il terzo millennio ormai “povero di fatto, borghese nel cuore”.

DOCILE

di Gianni Farina e Consuelo Battiston

Consuelo Battiston / Andrea Argentieri / Menoventi

Teatro Rasi, sabato 26 ottobre, ore 21.00

La Stagione dei Teatri 2019-20

Abbonamenti fino a giovedì 7 novembre

www.ravennateatro.com