Debutto positivo al teatro Socjale di Piangipane per la compagnia teatrale Siamoseri

Al suo debutto, la compagnia teatrale ravennate Siamoseri, ha ottenuto un buon riscontro di pubblico (oltre 260 spettatori, sold out) al teatro Socjale di Piangiane con la commedia “Oscar, ci deve essere l’inghippo”. Lo spettacolo è andato in scena sabato 19 ottobre 2019 a partire dalle 20.30.

Siamoseri è un’associazione culturale e compagnia teatrale di Ravenna costituita nel 2018 che nasce dall’idea di un gruppo di amici intenzionata a promuovere e diffondere l’arte nella propria città, a partire dalla loro passione comune, il teatro.

L’associazione si propone la riscoperta di una socialità positiva e propositiva per i giovani ravennati di prima e seconda generazione. Suo obiettivo è infatti l’avvicinamento e la formazione al teatro degli appassionati ancora neofiti. Il tutto portato avanti senza scopo di lucro, con spirito di grande apertura e condivisione delle proprie capacità ed esperienze, in un ambiente sano, equilibrato e sereno di compagni ed amici, dove ci si possa sentire protetti e totalmente liberi di esprimersi.

Seguendo questa filosofia e con il sogno del presidente dell’associazione Matteo Dalmonte di mettere in scena la commedia “Oscar”, la compagnia si è allargata a 14 componenti tra attori amatoriali e nuove leve: Marco Dari, Giacomo Cavalieri, Simona Brunazzi, Ilaria Cottignoli, Linda Compagnoni, Carlo Lamacchia, Nicola La Forgia, Andrea Chioetto, Rocco Sfragara, Samuele Perini, Katia Cospito, Cristina Ricci, Marco Baldacci e il regista di Oscar, Matteo Dalmonte.

Con questo cast Siamoseri ha portato in scena una commedia di amori ed equivoci che ruota attorno a scambi di persone e borse. La storia, ambientata nell’America degli anni ‘30, racconta di un gangster che ha promesso al capezzale del padre morente di diventare onesto, ma il giorno in cui deve siglare l’accordo per entrare in società con una grossa banca, casa sua diventa teatro di inaspettate rivelazioni, proposte di matrimonio, sotterfugi e fraintendimenti che creano un susseguirsi di situazioni divertenti ed intricate dal finale a sorpresa.

L’associazione ha voluto esordire con una commedia per portare avanti con forza e coerenza la sua convinzione che la risata sia uno degli strumenti più utili con cui affrontare la vita e i problemi. Una scelta coraggiosa che è stata premiata dal pubblico. E la risposta entusiasta degli spettatori è stata un’ulteriore conferma che Ravenna è una vera città d’arte, fatta non solo di monumenti e mosaici, ma soprattutto di un tessuto di persone che ama fare e fruire l’arte in tutte le sue forme.

“Sono molto orgoglioso di come la compagnia abbia ottenuto questo risultato – ha dichiarato il regista Matteo Dalmonte -. Lo spettacolo non era facile da mettere in scena, ma con tanto impegno e tanta professionalità da parte di tutti, abbiamo realizzato il nostro sogno.

La risposta del pubblico ci rende felici e determinati a continuare su questa strada anche per realizzare un altro nostro obiettivo, quello di poter fare spettacoli di beneficenza. Perché all’idea di creare un progetto bello e positivo per attori e spettatori delle nostre opere, vorremmo unire l’utilità sociale di supporto a realtà del nostro territorio”.