La Trilogia d’Autunno del Ravenna Festival debutta con Norma di Bellini

Venerdì 1 novembre, alle 20.30, al Teatro Alighieri di Ravenna, con Norma di Bellini debutta l’attesa Trilogia d’Autunno 2019 del Ravenna Festival.

Norma è un’opera-mito – mito del belcanto, della perfezione formale, dell’idea stessa di opera – e migliore apertura non poteva essere per la Trilogia d’Autunno a coronamento della XXX edizione di Ravenna Festival. La prima del titolo belliniano rivela una natura dove la concretezza della materia si ammanta di leggenda, cosparsa di messaggi cifrati; come la luna che, inevitabilmente, domina la scena.

Dirige l’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” Alessandro Benigni, già sul podio di Nabucco l’anno scorso, mentre alla regia c’è Cristina Mazzavillani Muti; in palcoscenico un giovane cast per la prima volta nel ruolo, compresa la Norma del soprano coreano Vittoria Yeo, già applaudita Lady Macbeth. Al debutto anche il Coro “Luigi Cherubini”, preparato da Antonio Greco e integrato con elementi del Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini”. Norma, che sarà in scena anche martedì 5 e venerdì 8, sempre alle 20.30, è il primo passo di un percorso che arriva agli albori del verismo, passando per Aida e approdando a Carmen, anche queste nuove produzioni.

Accanto a Vittoria Yeo nei panni della figlia del capo dei druidi, sacerdotessa che ha violato i voti per amore di un romano, il tenore Giuseppe Tommaso è il proconsole Pollione, mentre il basso Antonio Di Matteo è Oroveso, padre di Norma, e il soprano turco Asude Karayavuz sperimenta i panni di Adalgisa, rivale in amore della protagonista. Completano la compagnia di canto Erica Cortese, la fida Clotilde, e Riccardo Rados, l’amico di Pollione Flavio. La Trilogia si conferma un vero e proprio “laboratorio” per talenti non soltanto nel cast: il Coro “Luigi Cherubini”, creato ad hoc da Fondazione Ravenna Manifestazioni per le proprie produzioni, attraverso un percorso di selezioni avviato nel 2018, è infatti composto di cantanti giovani e musicalmente versatili. In scena anche i DanzActori Trilogia d’Autunno, mentre gli strumentisti di palcoscenico – in collaborazione con gli Istituti Superiori di Studi Musicali “G. Verdi” di Ravenna e “B. Maderna” di Cesena e con Romagna Brass – sono diretti da Alicia Galli.

Opera invece dietro le quinte un affiatato team creativo: lo scenografo e visual designer Ezio Antonelli, il light designer Vincent Longuemare, il video programmer Davide Broccoli e ai costumi Alessandro Lai. Il libro Preghiera, una creazione di Matteo Drudi dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna, è la prima delle due opere che gli spettatori potranno osservare in scena (la seconda apparirà in Aida); altri lavori dei giovani artisti dell’Accademia sono invece esposti negli spazi del Teatro per l’intera durata della Trilogia. Sul fronte audio, per la prima volta un’opera si avvale di una “camera acustica virtuale”, creata da BH Audio utilizzando lo strumento Soundscape degli esperti tedeschi di d&b audiotechnik.

LA MESSA IN SCENA

Fronde di un bosco, un fitto intreccio di radici, cavità sotterranee, poi l’acqua e la bruma di paludi che riportano la Gallia romana a paesaggi nostrani… e simboli di un mondo perduto e misterioso: il libro che è al tempo stesso parola, credo, codice; il teschio-totem della divinità pagana Irminsul; la luna che ora splende candida sulle note di Casta Diva, ora si tinge di rosso nella chiamata alle armi, quasi a preludio di quel rosso rogo che è l’orizzonte degli ultimi passi di Norma e Pollione sulla scena. Gli spazi esterni, invariabilmente notturni, si contrappongono alla cavità sotterranea dove Norma ha nascosto i propri figli: non avendo mai visto la luce non sono mai nati e possono quindi apparire in scena quindi come due manichini, un’idea di figli che Norma coltiva nel proprio antro. Così Norma paga la propria doppia vita – divisa fra amore e amor di patria, castità e maternità – con l’assenza di vita per i due innocenti, rappresentati in scena da due manichini, quasi a sottolineare la profonda e irrimediabile solitudine in cui versa Norma. E anche la protagonista, come la luna, muta vesti, dal candore sacerdotale al nero pece della segretezza, della gelosia, della terribile tentazione.

Il pubblico potrà usufruire di Lyri, l’applicazione gratuita e multilingue che permette di visualizzare testi e trama del libretto su smartphone e tablet: grazie allo sfondo nero, a un limitatissimo consumo di batteria e alla sincronizzazione in tempo reale, Lyri non disturba la visione dello spettacolo e sostituisce efficacemente i sottotitoli. Si tratta di un gradito ritorno dell’app all’Alighieri, dove aveva debuttato nel 2015, e di un altro elemento che contribuisce alla funzionalità e al comfort dell’esperienza a Teatro.

La Trilogia d’Autunno è resa possibile dal sostegno del Comune di Ravenna, della Camera di Commercio, della Regione Emilia Romagna e del Ministero per i beni e le attività culturali, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e di Bper Banca. Accanto a Norma, debuttano le nuove produzioni di Aida (2, 6 e 9 novembre), sempre per la regia di Cristina Muti e diretta da Nicola Paszkowski, e Carmen (3, 7 e 10 novembre), regia di Luca Micheletti e direzione di Vladimir Ovodok.

Info: 0544 249244 / www.ravennafestival.org

Norma