A Fusignano arriva un novembre a base di letture con la rassegna “Parole d’autore”

Più informazioni su

Quattro appuntamenti a novembre in compagnia di libri con la rassegna “Parole d’autore”. Il centro culturale “Il Granaio” di Fusignano (piazza Corelli 16) ospita infatti quattro serate in compagnia degli autori e dei loro libri per tutto il mese.

Primo appuntamento venerdì 8 novembre con Fuori posto (Epika) di Ivan Tabanelli. Il libro contiene cinque racconti in cui le inquietudini, le fragilità e le imperfezioni descrivono i contorni sbiaditi e le occasioni mancate che compongono le vite dei personaggi protagonisti. Ivan Tabanelli è nato a Lugo nel 1987. Nel 2015 ha pubblicato la raccolta di poesie Il mondo che non muore e nel 2018 il suo racconto La moglie del professore è entrato nella raccolta Lutto libero. Fuori posto è la sua ultima pubblicazione.

Si prosegue venerdì 15 novembre con La baracchina (Solfanelli) di Nadia Giberti. Il libro è ambientato in un’Imola afosa e rovente: il chiosco stagionale della Baracchina offre fresco riparo sotto le fronde di superbi tigli. È l’inaspettata scomparsa di Serena, una giovane cliente dell’attività commerciale, a dare il via a una concatenazione di tragici eventi. Nadia Giberti ha vissuto a Imola ed é stata titolare di un chiosco. La passione per la scrittura risale a quando era una ragazza. Ha scritto una trentina di racconti in gran parte premiati o segnalati in concorsi nazionali. È stata definita una “racconta storie”.

Venerdì 22 novembre si parla di Delitto d’onore a Ravenna. Il caso Cagnoni (Pendragon), scritto da Laura Gambi e Laura Orlandini. Ravenna, una famiglia molto in vista, una coppia all’apparenza perfetta, un’immagine esteriore di successo: ma il quadretto va in frantumi il 16 settembre 2016, quando Giulia Ballestri, moglie del noto dermatologo Matteo Cagnoni e madre di tre figli, viene uccisa con inaudita violenza a colpi di bastone e rinvenuta tre giorni più tardi nel sotterraneo di una villa di famiglia. Accusato del delitto è il marito. Pur continuando a proclamarsi innocente, verrà condannato in primo grado all’ergastolo. Le autrici ricostruiscono i fatti, basandosi sulle carte processuali e sulle testimonianze rese da amici, parenti, amanti e ripercorrono la storia della famiglia ravennate, che negli ultimi cento anni ha avuto un ruolo di primo piano sulla scena pubblica. Laura Gambi ha lavorato in servizi rivolti agli immigrati e si occupa di progetti di promozione culturale. Laura Orlandini è una studiosa di storia contemporanea. Alla serata sarà presente anche l’associazione Demetra donne in aiuto.

Giovedì 28 novembre chiude la rassegna Nero d’inferno (Mondadori) di Matteo Cavezzali, che racconta la storia di Mario Buda, noto come Mike Boda. In America Boda’s Bomb è diventato sinonimo di autobomba, e per le imprese di Mike Boda è stata scritta la prima legge antiterrorismo del mondo. Mario Buda arriva a Ellis Island nel 1907, partendo dalla Romagna, dove è nato e cresciuto. Di giorno lavora in fabbrica, la sera commercia illegalmente whiskey nella New York del proibizionismo. Quando il governo americano approva le prime leggi contro gli immigrati italiani ed europei, iniziando i rimpatri forzati, mentre Sacco e Vanzetti sono arrestati e condannati a morte per un crimine non commesso, Mike Boda orchestra l’attentato più terrificante che l’America avesse mai subìto: una bomba a Wall Street, con 38 morti e 143 feriti. Quindi scompare nel nulla. Alcuni lo vedono in Messico, altri al confino nell’Italia fascista, altri ancora a Parigi, intento a organizzare un agguato per uccidere il Duce. Dopo un’esistenza segnata da menzogne e misteri, torna a Savignano e riprende a fare il lavoro che faceva da ragazzo e che ha sempre fatto: il calzolaio. Come se niente fosse. Portando con sé tutti i suoi segreti. Matteo Cavezzali è nato e vive a Ravenna, il suo primo romanzo è Icarus – Ascesa e caduta di Raul Gardini (Minimum fax, 2018), vincitore del Premio Volponi Opera Prima/Premio Stefano Tassinari 2019. Ha scritto testi per il teatro e collabora con diversi giornali e riviste. Ha fondato e dirige il festival letterario ScrittuRa che si svolge a Ravenna.

Tutti gli appuntamenti si svolgono alle 21. Le presentazioni dei libri si svolgono in collaborazione con Auser di Fusignano, oltre a libreria Alfabeta negli appuntamenti del 22 e 28 novembre.

Più informazioni su