Norma apre il trittico conclusivo della Trilogia d’Autunno 2019

La Trilogia d’Autunno 2019, maratona lirica che corona la XXX edizione di Ravenna Festival, è giunta al trittico conclusivo, dopo tre debutti di successo e repliche altrettanto affollate di pubblico italiano e straniero. Norma, Aida e Carmen tornano per l’ultima volta sul palcoscenico dell’Alighieri, a partire dalla serata di venerdì 8 novembre: alle 20.30 si ritorna nelle Gallie romane con Norma.

Del titolo belliniano la regia di Cristina Mazzavillani Muti ha esaltato le qualità mitiche, con un sapiente tessuto di simbologie e metafore che circondano un’eroina indimenticabile; l’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” è invece guidata da Alessandro Benigni. La Trilogia continua sabato 9 con Aida per concludersi domenica 10 con Carmen.

Nel ruolo protagonista il soprano coreano Vittoria Yeo, già apprezzata come Lady Macbeth. Come già accaduto nelle altre recite, Giuseppe Tommaso – annunciato nel ruolo di Pollione – sarà in scena ma, a causa di un’acuta infiammazione alle vie respiratorie, la sua parte sarà cantata dal tenore Riccardo Rados dal proscenio.

Questi sarà sostituito da Andrea Galli nel ruolo di Flavio. Il basso Antonio Di Matteo è Oroveso, padre di Norma, e il soprano turco Asude Karayavuz sperimenta i panni di Adalgisa, rivale in amore della protagonista. Completa la compagnia di canto Erica Cortese, la fida Clotilde.

Il nuovo Coro “Luigi Cherubini” è preparato da Antonio Greco, mentre gli strumentisti di palcoscenico – in collaborazione con gli Istituti Superiori di Studi Musicali “G. Verdi” di Ravenna e “B. Maderna” di Cesena e con Romagna Brass – sono diretti da Alicia Galli. Accanto a Cristina Muti, lo scenografo e visual designer Ezio Antonelli, il light designer Vincent Longuemare, il video programmer Davide Broccoli e ai costumi Alessandro Lai. In scena anche il libro Preghiera, una creazione di Matteo Drudi dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna.

In occasione di tutte le recite il pubblico potrà usufruire di Lyri, l’app gratuita e multilingue che permette di visualizzare il libretto su smartphone e tablet.