Cotignola. In arrivo Radici, rassegna su identità sonore e visive

Più informazioni su

È ai nastri di partenza Radici, la rassegna di convergenze tra identità sonore e visive, organizzata dal Comune di Cotignola, che giunge alla quinta edizione. Tre gli appuntamenti che si terranno al teatro Binario (viale Vassura 20) di Cotignola, tutti di venerdì alle 21.30. Il cartellone proposto è composto da tre anteprime e produzioni nate dall’incontro e intersezione tra tre diversi progetti musicali e arti visive (disegno, fotografia e cinema). Questi convergono in un programma che si affianca e innesta alla quattordicesima edizione della mostra di arte contemporanea Selvatico, in corso al museo civico “Luigi Varoli”.

Si comincia venerdì 15 novembre con Gli sprecati, un progetto nato dalla collaborazione con il disegnatore Michelangelo Setola e il musicista Jonathan Clancy, che per un anno si sono scambiati tavole disegnate e brani musicali, alimentando la propria opera attraverso le suggestioni reciproche. Nascono così l’omonimo albo a fumetti in grande formato di Setola, in uscita per Canicola, e l’album di Clancy in uscita nel 2020 per Maple Death. L’evento è in collaborazione con Canicola Edizioni.

Il secondo appuntamento è in programma venerdì 29 novembre con San Leo + Marco Zanella che presentano “54 Primi”. La musica dei San Leo, un fluire ininterrotto che alterna violente esplosioni a momenti di contemplazione e che trae ispirazione dal mistero e dalla magnificenza degli elementi naturali, sarà diretta dalle immagini del fotografo Marco Zanella, che presenterà una serie di scatti realizzati a Cotignola che fanno parte di una ricerca fotografica tutt’ora in corso che indaga e documenta le presenze-assenze di un territorio di periferia. I San Leo sono M Tabe (Marco Tabellini, chitarra) e Inserire Floppino (Marco Migani, batteria).

Chiudono la rassegna venerdì 6 dicembre Bianco e Gli Insoliti Ignoti + Mauro Santini, che presentano Bianco. Mauro Santini è film maker che realizza i suoi film senza sceneggiatura, documentando il quotidiano in una forma diaristica, caratterizzata da un racconto visivo in prima persona. Frida Split musicista e compositrice collabora con artisti nazionali e internazionali in progetti di spettacolo e di ricerca. Per Bianco ha costituito un ensemble di musica da camera con musicisti di raro talento e il coro de Gli Insoliti Ignoti. Bianco è uno dei film che sarà sonorizzato. Sul palco Frida Split (pianoforte, flauto bansuri, basso elettrico), Anna Forlivesi (arpa celtica, flauti, charango, voce), Pier Foschi (batteria), Fabio Buzzi (chitarra acustica, chitarra elettrica), Giacomo Gamberucci (violoncello), Insoliti Ignoti (coro).

Più informazioni su