Ai Giardini di Natale di Faenza un albero simbolo di rinascita della Pineta di Cervia-Milano Marittima

Un solo albero, che rappresenta un po’ il simbolo della rivincita del mondo vegetale sulla forza del vento, che il 10 luglio 2019 in poco tempo ha sradicato oltre cinquemila pini e distrutto trenta ettari della secolare pineta di Cervia Milano Marittima. L’albero si è piegato ma non sradicato, ha radici ancora ben salde al terreno, perché sa che dopo di lui arriverà un altro esemplare che perpetuerà la specie e occuperà il suo spazio. È questo simbolo che il Servizio Verde del Comune di Cervia ha voluto portare all’edizione 2019 dei “Giardini di Natale” di Faenza, che verrà inaugurata con una cerimonia pubblica sabato 14 dicembre alle ore 16:00 e sarà visitabile fino al 7 gennaio 2020.

Il tronco, scavato ed alleggerito dall’assistente giardiniere Paolo Omicini, è stato montato sulla colonna di entrata del palazzo comunale della città manfreda. Il rosso è il colore che percorre l’idea progettuale: rosso come sofferenza, quello che solca in due il tronco, rosso come rivincita della natura sulla natura, rappresentata dalle chiome dei pini sospese in aria e dai piccoli animali che ancora popolano la nostra amata pineta.

Il nostro auspicio è che la natura troverà un equilibrio dinamico a questa nuova condizione, che l’uomo asseconderà. La dichiarazione della Delegata al Verde Patrizia Petrucci:  “Ringrazio sentitamente il Sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi e l’Amministrazione Comunale per l’invito all’edizione 2019 dei “Giardini di Natale” e per la splendida collaborazione che il Comune ci riserva ogni anno in occasione della manifestazione “Cervia Città Giardino. Un ringraziamento particolare a Flavia Mazzoni per il progetto creativo, ad Elisa Brunetti per il progetto grafico, a Manuela Guarnieri del Gruppo Fotografico Musa per la foto, a Marion Beurarer per la realizzazione del giardino verticale e all’assistente giardiniere Paolo Omicini. RI-NASCITA vuol dire RI-ALZARSI, RI-COMINCIARE per far RI-NASCERE la secolare Pineta di Cervia-Milano Marittima”.