Dal 5 gennaio ritorna al Walter Chiari di Cervia la kermesse dei burattini di Vladimiro Strinati

Per il terzo anno consecutivo Vladimiro Strinati, deus ex machina dei burattinai cervesi, è pronto a sguinzagliare le allegre teste di legno per la ‘Città del Sale’. Anche questo inverno, infatti, i burattini torneranno ad allietare i pomeriggi del Teatro Comunale. La kermesse nasce da una convenzione triennale stipulata tra l’amministrazione comunale e la Compagnia.

“La nostra scommessa – dichiara il burattinaio – è puntare sulla qualità delle rappresentazioni, portate in scena esclusivamente da compagnie professioniste. Quella dei burattini è un’antica e nobile arte che va preservata. È un teatro popolare dal forte impatto immediato, ma che presenta mille sfaccettature. Attinge a piene mani dai racconti tradizionali, ma allo stesso tempo è in grado di sperimentare nuove forme e drammaturgie e di rapportarsi con l’attualità”.

Ottimo esempio in tal senso è lo spettacolo del Teatro Medico Ipnotico che, tirando in ballo la cartoonistica figura di Topolino, finisce per raccontare la tragica ed attualissima epopea dei profughi. Tutti gli spettacoli si terranno di domenica, alle ore 16, in Teatro Comunale. Si partirà a ridosso dell’Epifania, il 5 gennaio, con il ritorno dei cagliaritani ‘Is Mascareddas’ che riproporranno un loro cavallo di battaglia: ‘Areste Paganos e i Giganti’, spettacolo dal forte impatto visivo che affonda le radici nella tradizione dei racconti popolari ma che punta al contempo ad una burattineria moderna.

Si torna in scena la domenica successiva con ‘Il Dottore Innamorato’ a cura della compagnia modenese I Burattini della Commedia. Si resta in Emilia anche per il terzo appuntamento. Domenica 19 gennaio, la compagnia Barbariccia di Sasso Marconi presenterà ‘Il mistero del cane nero’.

Per il quarto appuntamento si passa al 2 febbraio. Il ‘padrone di casa’ Vladimiro Strinati porterà in scena il movimentato ‘Nonna e Volpe, una casa per due’. La domenica seguente sarà il turno della compagnia trevigiana Alberto De Bastiani con ‘La bella Fiordaliso e la strega Tirovina’.

Altri habituè della rassegna cervese sono i parmensi del Teatro Medico Ipnotico che, domenica 23 febbraio, presenteranno il loro ‘Topolino’. Ultimo appuntamento domenica 1° marzo con la Compagnia Giorgio Rizzi di Varese in ‘Meneghino e il castello Tremarello’. Anche quest’anno la grafica e locandina del festival si fregeranno della firma dell’artista Tinin Mantegazza.