Ravenna, ultimi giorni per visitare la mostra “La strategia del Falco: Alberto Bardi”

Ultimissimi giorni a Ravenna, nella Manica Lunga della Biblioteca Classense di via Baccarini, 3, per visitare la mostra “La strategia del Falco: Alberto Bardi. Dipinti 1957-1984. con ingresso libero e in esposizione fino al 7 gennaio. Già anticipata e voluta dal Comune di Roma in Villa Torlonia nel 2018, la mostra ricorda la figura di Alberto Bardi (1918-1984), originario di una famiglia stabilitasi a Mezzano, alle porte di Ravenna.

È lui l’uomo che, con il nome di battaglia “Comandante Falco”, entrò per primo nella Ravenna liberata alla testa delle forze partigiane accanto al leggendario “Comandante Bulow”. Alla fine della guerra Bardi si riavvicinò alla sua prima grande passione, la pittura, frequentando lo studio di Teodoro Orselli e iniziando la collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Ravenna, di cui divenne insegnante. L’esposizione, ricca anche di una serie di documenti relativi alla storia civile e partigiana, dà conto dell’attività artistica di Bardi grazie a numerosi dipinti, tra cui spiccano quelli relativi agli anni’70,   che lo videro affermarsi come tra i più interessanti nomi dell’arte informale. Orari di visita: tutti i giorni dalle 15 alle 18,30. Chiusura il  6 gennaio. L’iniziativa è organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna/Istituzione Biblioteca Classense, Istituto Storico della Resistenza della provincia di Ravenna, Archivio “Alberto Bardi”.