Ravenna, cena della Lega nel locale dove dovevano esibirsi: i Savana Funk annullano il concerto. La risposta di Rolando

Molto contrariati dal fatto che nessuno li avesse informati, i membri della band hanno deciso di non fare il concerto e andarsene "per una totale incompatibiltà tra i loro principi culturali, artistici e etici con quelli della Lega"

Ieri sera, 23 gennaio, il gruppo musicale dei “Savana Funk” doveva suonare a Ravenna. Arrivati sul posto per il soundcheck sono stati informati che nel locale era prevista una cena elettorale della Lega. Inizialmente spiazzati e successivamente molto contrariati dal fatto che nessuno li avesse informati, hanno deciso di non fare il concerto e andarsene “per una totale incompatibiltà tra i loro principi culturali, artistici e etici con quelli professati dalla Lega”.

“Hanno tutta la mia vicinanza, rispetto e ammirazione. Avere dei principi – scrive un utente su Facebook -, avere dei valori in cui si crede vuol anche dire avere il coraggio e la coerenza di portarli avanti facendo delle scelte (in questo caso anche economiche visto che per loro la musica è anche un lavoro). È bello vedere che ancora nel mondo sempre più superficiale della musica c’è ancora chi ha valori forti da portare avanti”.

E qualcun altro sui social aggiunge: “Assolutamente! Respect!” ed ancora “La musica #nonsilega”.

Gianfilippo Rolando (Lega): Savana Funk, boicottaggio alla mia candidatura

Ecco la risposta di Gianfilippo Rolando, candidato della Lega: “La cena di ieri sera per il sostegno della mia candidatura a consigliere regionale della Regione Emilia-Romagna all’Osteria Passatelli, organizzata da amici e sostenitori, non è stata gradita al gruppo musicale Savana Funk che hanno deciso di non esibirsi per protesta lasciando a bocca asciutta più di 200 persone. Una decisione che rispetto ma che non condivido semplicemente perché peraltro la band doveva iniziare a suonare verso le 22.30 proprio perché i tavoli erano nella stragrande maggioranza prenotati per la mia cena elettorale. Nessuno dei mie sostenitori avrebbe abbandonato la sala per dimostrare il dissenso politico verso le idee della band musicale al momento dell’inizio della loro esibizione. La differenza sta tutta qui. Nella tolleranza e nel rispetto.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jack

    allora esiste ancora gente con un po’ di dignità……

  2. Scritto da Luder

    Sarei curioso di sapere sapere se lei, Gianfilippo Rolando, aveva ingaggiato il gruppo dicendogli lo scopo per il quale avrebbero suonato. Secondo me lei non li aveva ingaggiati ed inoltre nessuno dei suoi sostenitori non avrebbe abbandonato la sala per dimostrare il dissenso politico verso le idee della band musicale per il solo motivo che mai sarebbero andati ad un loro concerto.

  3. Scritto da Claudiam

    Si certo… I Savana Funk hanno reagito come credevano bene fare.
    Magari invece avessero avuto la prontezza di restare e intonare tutta la sera Bella Ciao o Auschwitz di Guccini.
    Naturalmente senza offendere nessuno ma nella tolleranza e nel rispetto…
    Vorrei vedere se, come dice il Sig. Rolando, nessuno dei suoi sostenitori avrebbe abbandonato la sala.
    Ognuno è LIBERO di ascoltare i comizi di chi crede e il vostro nemmeno io sarei rimasta a sentirlo.

    Io chiedo come può un uomo
    Uccidere un suo fratello
    Eppure siamo a milioni
    In polvere qui nel vento

  4. Scritto da GIUSEPPE BIMBI

    Sentire parlare un candidato della lega di tolleranza e rispetto… è veramente incredibile. Ma è vero sa: la differenza sta tutta li.

  5. Scritto da alessandro bordin

    Tolleranza e rispetto …?
    Da parte di chi ?
    Ma ti rendi conto di quello che dici?
    Non l’hai ancora imparato dal tuo capo?