Alla Classense di Ravenna presentato il volume “L’amor patrio di Dante e Mazzini”

E’ stato presentato oggi venerdi 7 febbraio, alle ore 17 nella Sala Dantesca della Biblioteca Classense di Ravenna, il volume dal titolo “L’AMOR PATRIO DI DANTE E MAZZINI: sentimenti civici e valori ideali”. Si tratta di un’opera voluta dal Centro Studi Manlio Monti di Ravenna e dalla Fondazione Spadolini Nuova Antologia di Firenze, curata da Claudia Foschini e Giannantonio Mingozzi, che raccoglie testi e contributi assai qualificati a partire dagli autori che interverrano alla presentazione di venerdi prossimo e cioè Antonio Patuelli, Cosimo Ceccuti, Alfredo Cottignoli e Sauro Mattarelli.

“Ma voglio ringraziare – sottolinea Mingozzi (che dopo il saluto di Alberto Gamberini, presidente del Manlio Monti, ha illustrato il significato dell’opera) – quanti hanno svolto ricerche e si sono impegnati affinché il volume fondasse le proprie radici soprattutto nella memoria e nell’attualità ravennate: Novella Sacchetti, Fulvia Missiroli, Franco Gàbici, Enrico Baldini e Giorgio Gruppioni  presenti  alla Sala Dantesca nell’incontro, concluso dal vicesindaco Eugenio Fusignani”.

“Unitamente a Claudia Foschini, conclude Mingozzi, abbiamo voluto offrire al settimo Centenario Dantesco ed alla tradizione risorgimentale e patriottica del 9 febbraio, Repubblica Romana, quell’interpretazione che a Ravenna è più che mai viva e unisce l’amore di Mazzini per l’opera dantesca  “quale coscienza morale” e di Dante Alighieri per una Patria libera e degna. Il nostro intento è quello di proporre, in un momento così difficile per chiunque abbia una coscienza civica e valori morali da difendere, uno spiraglio di futuro costruttivo e di dignità ideale che ci offrono gli insegnamenti danteschi e mazziniani” conclude Mingozzi.