Quantcast

Ravenna, Michał Rusinek sulla poesia del premio Nobel Szymborska ospite a Il Tempo Ritrovato

Mercoledì 12 febbraio si terrà un importante appuntamento dedicato alla poesia contemporanea per Il Tempo Ritrovato alla Biblioteca Classense di Ravenna alle 18 in sala dantesca. Michał Rusinek, intellettuale polacco, parlerà della poetessa Wisława Szymborska, Premio Nobel per la Letteratura, di cui fu assistente negli ultimi anni di vita. A dialogare con Rusinek ci sarà Stefano Col angelo docente di letteratura contemporanea dell’Università di Bologna, e grande esperto di poesia contemporanea.

L’intellettuale polacco ha dedicato alla poetessa il libro “Nulla di ordinario. Su Wisława Szymborska” pubblicato da Adelphi. Premiata con il Nobel nel 1996 e con numerosi altri riconoscimenti, è generalmente considerata la più importante poetessa polacca degli ultimi anni, e una delle poetesse più amate dal pubblico della poesia e non solo di tutto il mondo d’oggi. In Polonia, i suoi volumi raggiungono cifre di vendita (500.000 copie vendute – come un bestseller) che rivaleggiano con quelle dei più notevoli autori di prosa, nonostante Szymborska abbia ironicamente osservato, nella poesia intitolata Ad alcuni piace la poesia (Niektorzy lubią poezje), che la poesia piace a non più di due persone su mille.
Il 3 ottobre del 1996 l’Accademia di Svezia comunica a Wisława Szymborska che le è stato assegnato il premio Nobel. Da quel momento, lei così schiva, è costantemente sollecitata: arrivano lettere, telegrammi, manoscritti, richieste e proposte spesso del tutto incongrue. Il telefono squilla anche di notte. Si impone il supporto di un segretario. Quando Michał Rusinek, neolaureato ventiquattrenne, si presenta in casa sua, la trova sgomenta. «Allora» racconta «chiesi cortesemente un paio di forbici e tagliai il cavo. Il telefono smise di squillare. La Szymborska esclamò: “Geniale!”. E fu così che venni assunto». Le resterà accanto per più di quindici anni.

In questo libro – basato su ricordi di prima mano – Rusinek getta un fascio di luce su aspetti della grande poetessa rimasti finora in ombra: le sue a volte stravaganti passioni (per i limerick e per il Kentucky Fried Chicken, per Vermeer e per gli oggetti kitsch, per Woody Allen e per Il Circolo Pickwick – e soprattutto per le sigarette); il suo bisogno di solitudine; il modo in cui nascevano le sue poesie («Sosteneva che l’utensile più importante nella casa di un poeta fosse il cestino della cartastraccia») e quello in cui creava i suoi collage; i suoi (complessi) rapporti con l’altro grande premio Nobel polacco, Czesław Miłosz; i rituali della scrittura e quelli che precedevano qualunque spostamento. Ma inanella anche decine di aneddoti esilaranti, di battute fulminanti e di osservazioni acuminate, in cui ritroviamo l’esprit settecentesco, la sottile ironia e la capacità di stupirsi di una delle poetesse più fervidamente amate dai lettori di tutto il mondo. L’incontro è realizzato da ScrittuRa festival con il contributo del Comune di Ravenna e la collaborazione della Istituzione Biblioteca Classense, Adelphi Editore e l’Istituto Polacco di Roma.