Quantcast

Ravenna, a Palazzo Rasponi dalle Teste inaugura la mostra su “Enrico Galassi, l’artista fuorilegge”

Sabato 15 febbraio, alle 18, nelle sale di Palazzo Rasponi dalle Teste si terrà l’inaugurazione della mostra “Enrico Galassi: l’artista fuorilegge”. Enrico Galassi (1907-1980) fu principalmente pittore e mosaicista, ma, con vero spirito da “dilettante” saviniano, nel senso del piacere e della leggerezza nel fare le cose, fu anche «architetto improvvisato», come lo definì Gio Ponti pubblicando ed elogiando, su «Domus», il progetto della sua casa studio in Versilia.

Si dedicò anche alla ceramica, alla poesia, oltre che alla critica (collaborò con «Domus», «Quadrante» e il «Corriere Padano»). Tante e proficue le attività artistiche di Enrico Galassi; vero e proprio imprenditore culturale, a Roma diede vita nel secondo dopoguerra ad una vivacissima bottega di produzione artistica  come “Lo Studio di Villa Giulia” che vide coinvolti, tra gli altri, Afro, Capogrossi, Clerici, Consagra, Leoncillo, Mazzacurati, Mirko e Tamburi. A curare l’esposizione “Enrico Galassi: l’artista fuorilegge“ e il catalogo di riferimento sarà Alberto Giorgio Cassani, che da anni si dedica alla ricostruzione della  multiforme attività dell’ artista. L’iniziativa è promossa dal  Comune di Ravenna – assessorato alla Cultura in collaborazione con l’associazione culturale “Tessere del Novecento”.

Sempre domani, alle 17.30, a Palazzo Rasponi dalle Teste inaugura anche la mostra“Omaggio a Ferriano Giardini” che dà a tutti i visitatori l’opportunità di ammirare diverse opere e buona parte del percorso evolutivo dell’artista ravennate. Un doveroso omaggio alla figura di un pittore attento e profondo. Da una iniziale ricerca legata alla pittura naturalista, Giardini (Ravenna 1926 – Ravenna  2007) propone in seguito una poetica più consapevole, riflessione di un mondo pieno di contraddizioni sociali, pittura come argine ideale all’arrembante progresso che reca con sé degrado e distanza sociale.

Entrambe le mostre saranno visibili fino al 22 marzo 2020. L’ingresso è libero. Orari di apertura:  feriali: 15 – 18; sabato, domenica e festivi: 11 – 18; chiuso il lunedì.