Quantcast

Gardin e Pompignoli (Lega): celebrazioni Dante, lo smacco di Forlì a Ravenna, qui zero offerta turistica

“Forlì fa centro e Ravenna flop. Ennesima dimostrazione dell’incapacità dell’amministrazione ravennate che rischia di vedersi sottrarre dalla città cugina il cuore delle celebrazioni per i 700 anni di Dante”. La  Capogruppo della Lega in Consiglio comunale Samantha Gardin, e il neo consigliere Comunale Nicola Pompignoli attaccano gli assessori alla Cultura, Elsa Signorino, e al Turismo, Giacomo Costantini, “più noti per i bassi numeri delle visite al Museo Mar che per la promozione turistica e culturale della città di Ravenna”.
“La Giunta guidata dal Pd di Michele De Pascale prenda appunti e impari dal gioco di squadra fra Gallerie degli Uffizi di Firenze e Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, che porterà lustro a Forlì con le celebrazioni dei 700 anni del Sommo Poeta. Vorrei solo ricordare ai signori amministratori del Pd che Ravenna e Dante sono legati a doppio filo e che se non si inizieranno ad elaborare progetti unitari di sponsorizzazione e reale valorizzazione del Museo d’arte di Ravenna, i numeri dell’affluenza ai monumenti della città rimarranno pessimi come sono oggi” concludono Gardin e Pompignoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jack

    e se la signora Gardin scoprisse che la leggenda vuole che proprio a Portico di Romagna, in provincia di Forlì, Dante incontrò Beatrice e che invece a Ravenna il sommo poeta è sicuramente morto , potrebbe allargare le sue vedute ?

  2. Scritto da Cz

    Vorrà dire che verranno a Ravenna ed anche a Forlì, mi sembra meglio no ?

  3. Scritto da Viola

    Una visita non esclude l’ altra! Ci chiamiamo o no Romagna? O dobbiamo pensare ognuno al proprio campanile? Prima i ravennati, no, prima i forlivesi, no, i cesenati,no, ancora prima i riminesi ! L’ unione dovrebbe ( mi corre l’ obbligo del condizionale) fare la forza, specialmente in occasione di grandi avvenimenti o celebrazioni, l’ importante è che tutti facciamo la loro parte e, se Cesena o Rimini facessero iniziative in collaborazione con Ravenna e Forlì,sarebbero solo da apprezzare.Non trovo affatto disdicevole che un turista inizi ” l’ avventura” di Dante in un luogo e possa percorrere un filo conduttore che lo porti in giro per la Romagna fino ad arrivare alla sua tomba a Ravenna!

  4. Scritto da batti

    COSA HA DA ESULTARE LA GARDIN CHE NON è NE DI RAVENNA NE DI FORLì e pompignoli di dov è???padroni a casa nostra e voi state a casa vostra!!!