AssembraMenti: a Faenza la chitarra di Don Antonio Gramentieri incontra quella di Stefano Pilia

Più informazioni su

La rassegna AssembraMenti2020 [la versione 2020 del Festival Strade Blu]  continua venerdì 31 luglio, nella suggestiva cornice di Piazza Nenni con due talenti della chitarra: Stefano Pilia e Antonio Gramentieri .

“Don Antonio” Gramentieri, insieme Vince Vallicelli alla batteria, Roberto Villa al Basso e Nicola Peruch alle tastiere propone i brani del suo ultimo lavoro omonimo, che attraversa senza soluzione di continuità la musica di confine: cumbia, blues, twist, il tutto filtrato da un suono che ricorda quello delle radio che si confondono in lontananza sulle spiagge del centro America. Un mescolio di cultura nera, latina e americana che si incontrano in un suono meticcio ed eclettico.

A fargli da contraltare sul palco, in un set solo e poi unito alla “banda” ci sarà un altro talentuoso chitarrista: Stefano Pilia. Chitarrista degli Afterhours e prima in pianta stabile con i Massimo Volume Stefano Pilia è un chitarrista che in solo sviluppa una ricerca sullo strumento e sulla musica di avanguardia. Formatosi accademicamente al Conservatorio G.B. Martini di Bologna, da sempre attento sia alle forme classicamente “rock” che a quelle di avanguardia e ricerca sullo strumento. Pilia ha portato avanti una intensa attività in solo che ha fruttato nel corso degli anni una notevole mole di lavori.

“A Stefano – dice Don Antonio – interessa la ricerca sul suono e sulle sue relazioni con lo spazio, la memoria e il tempo per questo la sua ricerca, pur da angolazione diversissime, tende a condividere gli scopi, e convergere con la mia. E’ un chitarrista che stimo molto, e sarà interessante capire dove è il nostro punto di contatto, nel suono e nelle note”.

Ingresso gratuito con offerta libera. Inizio ore 21.30. Prenotazione obbligatoria: info@stradeblu.org

Più informazioni su