Marco Ceroni presenta “Squame” al Museo Carlo Zauli di Faenza

Più informazioni su

Il Museo Carlo Zauli – nell’ambito del progetto MCZ Territorio – presenta la mostra di Marco Ceroni “Squame”. Marco Ceroni (Forlì 1987), di origine faentine, vive e lavora a Milano e collabora dal 2017 con GALLLERIAPIù di Bologna, dove il 25 settembre inaugurerà la sua mostra personale. In questo progetto, il museo diventa contenitore, luogo della storia, ambientazione e possibilità plastica, dando stimolo e voce ai nuovi linguaggi della contemporaneità mentre le opere di Carlo Zauli invitano al confronto e alla sperimentazione.

Marco Ceroni si approccia alla ceramica in un luogo nato e pensato per questo scopo; accompagnato da Aida Bertozzi, ceramista, docente e collaboratrice del Museo Carlo Zauli, intreccia “natura e oggetti meccanici della contemporaneità” che vengono curiosamente avvicinati per assonanze formali e forse visive. Ibridazione si aggiunge ad ibridazione creando la visione mai completa di narrazioni possibili all’interno del quotidiano. Nell’opera SLAG la forma industriale della carena di uno scooter viene riprodotta con argille semirefrattarie, modificata poi tramite innesti che richiamano il mondo organico, creando così sculture in bilico tra scorie e resti animali. Un attacco alla realtà dove il panico tenta di arrampicarsi alle superfici delle cose. All’interno della Sala dei forni SLAG dialogherà con l’opera LACOSTE, una grande scultura in ceramica, che emulsiona scenari urbani ad immaginari primordiali e selvaggi. Nell’allestimento della mostra Marco Ceroni ha collaborato con Elia Landi, artista e tatuatore faentino, che realizzerà una pittura murale in dialogo con le sculture.

L’esposizione dal 15 al 29 settembre. Inaugurazione martedì 15 settembre alle 21.

Più informazioni su