Continuano le “Serate con l’autore” a Pisignano: si parla di Romagna con Giuseppe Bellosi, Laura Turci e Marco Marchi

L’Associazione di promozione sociale Francesca Fontana, anche quest’anno continua con la rassegna culturale: “Serate con l’autore”. In questa edizione verranno presentati tanti libri in 9 serate che accompagneranno nei mesi di ottobre e novembre e dicembre. La rassegna gode del patrocinio del comune di Cervia, dovuto al notevole successo raccolto dalle precedenti edizioni ed in particolare per l’attività culturale svolta nell’entroterra cervese.

L’iniziativa continua dunque stasera, mercoledì 21 ottobre alle ore 20:30, presso il centro sociale di Pisignano Cannuzzo, in via Zavattina, 6d.

Una serata dedicata alla Romagna e alle sue storie, poesie e tradizioni. Saranno tre gli autori a presentare le loro opere Giuseppe Bellosi: A Sgumbiëla. Ultimi versi di Giovanni Nadiani – Laura Turci: UN AN, la nuova raccolta in versi romagnoli – Marco Marchi: OS-CIA! Poesie in dialetto romagnolo – preceduti da un saluto di presentazione di Marzio Casalini editore del Ponte Vecchio di Cesena che collabora in questa iniziativa.

Giuseppe Bellosi: A Sgumbiëla. Ultimi versi di Giovanni Nadiani: Sono qui riunite, per la prima volta in volume, le poesie in dialetto romagnolo che Giovanni Nadiani ha scritto fra aprile e giugno 2016, anno della sua scomparsa, in parte già pubblicate in edizioni a tiratura limitata. Ritorna uno dei motivi centrali della poetica che aveva trovato espressione, fi n dagli esordi, nella raccolta Dagli assetati campi (1984): la coralità della pena di esistere in tutte le forme di vita del creato, dal fi lo d’erba all’uomo. Alla banalità della chiacchiera, alla frastornante immersione nel web, il poeta contrappone ora la sua solitudine, albatro degli assetati campi che batte le ali sulle opposte prode di un fosso.

Laura Turci: UN AN, la nuova raccolta in versi romagnoli: Come annota Giuseppe Bellosi nella sua colta e acuta introduzione al libro, questa raccolta dei mesi merita il richiamo a molti capolavori della letteratura europea, proponendosi come un gioiello della giovane poesia italiana e romagnola. In questo “poemetto in dodici strofe” che si aggiunge ai pochi meditatissimi testi finora pubblicati (i ventitré di Al carvaj, 2013)Laura Turci dimostra di essere, tra i poeti dell’ultima generazione in grado di esprimersi in dialetto, una delle voci più potenti e sincere» [Giuseppe Bellosi].

Marco Marchi: OS-CIA! Poesie in dialetto romagnolo: Hard Rock» che vó déi “ad sas”.U n’è un di piò par dal tèti zòvni? U n’bastèva scrèiv «Os-cia» sòura la maièta biènca? Ha pubblicato i romanzi Quelli dell’Eldorado (Longo, 1986; Perdisa, 2007); Il gelato è una cosa seria (Diabasis, 2004); Terra e destino (Perdisa, 2008, finalista al Premio Pescara); Sulle orme di Rocky Marciano (Europa Edizioni, 2017, Premio della giuria del concorso internazionale Milano International). Le sue opere sono state recensite da critici del calibro di Renato Minore, Lorenzo Mondo, Arturo Toscani, Paolo Ruffilli, Raffaele Crovi e Michele Prisco. È stato allievo di Gino Montesanto, per tre volte finalista al premio Campiello

A tutti gli autori e scrittori sarà consegnata una cartella contenente una stampa calcografica a puntasecca realizzata dall’autore Giampiero Maldini, dell’associazione culturale Menocchio di Cervia che da anni collabora con l’associazione e con questa Rassegna.

La rassegna “Serate con l’autore” promossa dall’Associazione Culturale Francesca Fontana si svolge con la collaborazione di: Asd Grama Pisignano Cannuzzo – Editore il Ponte Vecchio di Cesena – Linea Rosa Ravenna – Libera università per gli adulti di Cervia – Associazione culturale  Menocchio Cervia – libreria Bubusettete Cervia – Associazione Culturale Casa delle Aie, Consiglio di Zona nr.5 di Pisignano Cannuzzo e Lions Club Ad Novas Cervia.

Con il sostegno di: Focaccia Group Cervia – Iperpneus Cervia e Credito Cooperativo Romagnolo.

L’evento è ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti: Nel rispetto delle normative COVID verranno rispettati il distanziamento e l’obbligo della mascherina